Coronavirus
28 Febbraio 2020
10:30

Cronavirus, Facebook cancella la conferenza annuale per sviluppatori F8

La conferenza è il luogo di workshop e iniziative utili per gli sviluppatori, ma anche di annunci di interesse generale. Era fissata per l’inizio di maggio, ma per evitare che diventi un luogo di possibile diffusione del coronavirus è stata sostituita da una serie di eventi locali e di iniziative trasmesse in streaming video.
A cura di Lorenzo Longhitano
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

L'epidemia di coronavirus che in questi giorni sta iniziando a interessare svariati Paesi in tutto il mondo ha consigliato prudenza perfino a Mark Zuckerberg. Facebook ha infatti annunciato che a causa delle preoccupazioni globali riguardanti il Covid-19, la sua annuale conferenza F8 dedicata agli sviluppatori non si terrà più, o almeno non nella forma prevista. La comunicazione è arrivata tramite il blog dell'azienda: la manifestazione si sarebbe dovuta tenere nelle giornate del 5 e del 6 maggio

Cos'è la conferenza F8

La conferenza annuale F8 viene organizzata ogni anno a beneficio degli sviluppatori interessati all'ecosistema di app del gruppo Facebook: durante la due giorni sono organizzati numerosi workshop e iniziative utili a questo particolare pubblico, ma non solo. La manifestazione è anche l'occasione per Mark Zuckerberg e i suoi collaboratori di annunciare novità di rilievo sui prodotti e servizi offerti dal gruppo. Si tratta insomma sia di un evento tecnico che di una cassa di risonanza mediatica, motivo per cui l'annullamento non è stata una decisione semplice per Facebook.

Il precedente del Mobile World Congress

La conferenza del resto non è il primo grande evento del mondo tecnologico a saltare. L'esempio più eclatante è quello del Mobile World Congress, la fiera più importante dell'intero settore dedicato a smartphone, telecomunicazioni e non solo — che si sarebbe dovuta tenere proprio a febbraio a Barcellona. La manifestazione è stata annullata non senza polemiche già giorni fa, quando ancora il coronavirus non aveva fatto il suo ingresso nel vecchio continente come sta avvenendo ora. La situazione per Facebook e l'F8 negli Stati Uniti è simile: negli USA l'epidemia non è ancora esplosa, ma per maggio non è da escludere la probabilità che siano emersi già numerosi casi e che il numero di quelli nuovi sia da contenere il più possibile.

Chiuere i battenti della conferenza ai più di 5.000 sviluppatori attesi sembra dunque l'unica strada praticabile per l'azienda, ma questo non vuol dire che l'evento non si terrà affatto. L'F8 non avrà una forma fisica, ma annunci e workshop avranno comunque luogo in forma virtuale: il gruppo ha intenzione di organizzare piccoli eventi locali e streaming video ai quali i partecipanti si potranno collegare per rimanere aggiornati sulle novità dell'azienda.

27416 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni