cyberpunk 2077

Il tema dell'accessibilità nei videogiochi è ancora troppo poco diffuso tra gli addetti ai lavori, ma è chiaro sia necessaria una nuova sensibilità. L'input deriva dall'articolo di Liana Ruppert, giornalista presso Game Informer, che nel recensire l'atteso Cyberpunk 2077 di CD Projekt RED (gli stessi sviluppatori di The Witcher), è stata colta da crisi epilettiche (di cui soffre da tempo). Il gioco, ispirato all'immaginario dell'omonimo gioco di ruolo del 1988, ricorre spesso ad effetti di luce al neon, che possono essere pericolosi per chi soffre di epilessia. Tale rischio è presente in moltissimi titoli, chi più o chi meno, per questo solitamente ad ogni avvio c'è una schermata di avviso per avvertire gli utenti a rischio epilessia. In tal senso, Ubisoft fa parte delle software house più attente. Il problema è che nel caso della versione PC di Cyberpunk 2077 (quella inviata alla stampa per le recensioni), non vi è alcun avviso di tutela. Almeno fino ad oggi, dopo che la questione diffusa da Ruppert, tramite articoli e post sui social, ha ottenuto grande visibilità.

Purtroppo tale questione ha dato anche adito a certe frange di utenti, intransigenti contro chi evidenzia aspetti negativi di Cyberpunk 2077, di attaccare la giornalista. Ruppert è stata soggetta a insulti e minacce. Addirittura le sono stati inviati video contenenti effetti in grado di innescare attacchi epilettici. Preme fare questa digressione per far notare come il tema dell'accessibilità e dell'inclusività sia ancora poco sentito da una parte del pubblico videoludico.

Ma tornando all'avviso di Cyberpunk 2077: in seguito alle riflessioni della giornalista, un'altra testata autorevole del settore, Kotaku, ha notato che sul documento EULA del gioco, ossia l'accordo di licenza con l'utente finale, viene fatta menzione di un avviso sull'epilessia, il problema è che non appare regolarmente. Dopo ore di silenzio, il team di sviluppo polacco CD Projekt RED ha diffuso su Twitter la comunicazione di essere al lavoro su un avviso permanente da affiancare all'EULA. Intanto Kotaku ha provato a contattare Sony e Microsoft per sapere se il problema affligge anche le versioni console del gioco, ma non è stata fornita alcuna risposta immediata. Oggi tuttavia è arrivata la conferma, da parte del team di sviluppo, dell'inserimento di una schermata d'avviso all'avvio del gioco.

I consigli di Ruppert per chi soffre di epilessia e vuole giocare Cyberpunk 2077

"Durante il mio periodo con Cyberpunk 2077, ho sofferto di una grave crisi e ho sentito che in diversi momenti ero vicina ad averne un'altra. Ho continuato [a giocare] perché ho preso una decisione, e sento che tale decisione mi abbia aiutato a mettere su una piccola guida per i giocatori che vogliono prendere parte a questo gioco, senza la paura di perderlo". Queste parole sono tratte da un altro articolo di Liana Ruppert, nato in seguito alla sua esperienza con la recensione di Cyberpunk 2077. Il gioco infatti presenta alcuni elementi, come Braindancers, una componente diffusa nel gioco che permette di interagire con le memorie del proprio alter-ego. In questi frangenti la vista è molto sollecitata dai giochi di luci. È stata proprio in questa occasione che Ruppert è stata colta da una forte crisi. Anche quando compare Johnny Silverhand, personaggio interpretato da Keanu Reeves, la schermata di gioco viene alterata da effetti visivi di colore blu, come a simulare dei glitch.

Insomma, vi è tutta una serie di stimolazioni visive che può causare attacchi epilettici a chi ne soffre. In generale, ciò che consiglia Ruppert, è di impostare la luce notturna sul proprio monitor, per affievolire i bianchi e stressare meno la vista. Distogliere poi lo sguardo dallo schermo durante certe scene o farsi aiutare da qualcuno per riprodurle. In generale, per chi passa tanto tempo con i videogiochi, è consigliabile giocare in stanze ben illuminate, di evitare di giocare quando si è stanchi o assonnati, di utilizzare schermi più piccoli e di fare delle pause dopo ogni ora di gioco. Cyberpunk 2077 è disponibile da oggi per PS4, PS5, Xbox One e Series X|S, PC e Google Stadia.