Facebook ha svelato il suo nuovo logo. Lo ha fatto a sorpresa tramite un post publicato sul profilo personale di Mark Zuckerberg, dove il CEO ha annunciato la novità il cui obiettivo è quello di rappresentare un'azienda che non solo possiede il più grande social network al mondo, ma anche il resto della famiglia di servizi, compresi Instagram, WhatsApp, Messenger e Oculus. Il nuovo logo mostra semplicemente la scritta "Facebook" in un font molto generico e neutrale, ma caratterizzato da differenti colorazioni che andranno a caratterizzare i vari servizi: blu per Facebook, verde per WhatsApp, azzurro per Messenger, arcobaleno per Instagram e nero per Oculus.

"Quando ho creato Facebook 15 anni fa, non avevo idea che avrebbe incluso Messenger, Instagram, WhatsApp, Oculus, Workplace e altro" ha scritto Zuckerberg sul suo profilo. "Molte persone non sanno che abbiamo costruito questi prodotti o che i nostri team spesso lavorano insieme. Ma crediamo che le persone dovrebbero saperlo, perché è importante sapere chi c'è dietro i prodotti che si utilizzano. Oggi introduciamo il nuovo logo dell'azienda per essere più chiari sulle app e le tecnologie che vengono da Facebook". Ad accompagnare il post anche un piccolo video che mostra i differenti utilizzi del logo e le sue varie colorazioni pensate per i singoli servizi.

Il nuovo logo prenderà piede sulle piattaforme di Zuckerberg nel corso delle prossime settimane, come peraltro già annunciato in precedenza quando è stato svelato che tutti i servizi sarebbero stati rinominati con l'aggiunta di "from Facebook", come "Instagram from Facebook". Proprio questo nuovo logo andrà a completare questa trasformazione, applicando il marchio del social network a tutta la famiglia di app e servizi a esso associati. La scelta di un font neutrale è stata presa "per chiarezza", con l'obiettivo di creare "una distinzione visiva tra l'azienda e l'app" ha spiegato Facebook. Ma l'utilizzo del brand su ogni app ha anche l'obiettivo di rendere chiaro che presto tutti i servizi condivideranno la stessa infrastruttura e saranno quindi realmente uniti sotto un unico cappello.

Facebook avrebbe anche considerato l'idea di cambiare il nome dell'azienda a capo di tutte le app, salvo poi cambiare idea per evitare di dare l'impressione di nascondersi dai numerosi problemi emersi nel corso degli ultimi anni. Al contrario, il rebranding sembra voler puntare a fornire a Facebook un po' della buona immagine di cui godono gli altri suoi brand, cercando di allontanarlo dagli scandali legati alla privacy. Ma la mossa del social network punta anche a cementificare l'idea che tutti i servizi siano ormai un'unica cosa, elemento che punta a contrastare l'idea sempre più pressante all'interno del governo USA secondo la quale il colosso di Zuckerberg andrebbe spezzato in più parti, rendendo ogni suo servizio un'azienda a sé stante.