Opinioni
3 Febbraio 2014
23:30

Facebook, ecco i primi utenti a registrarsi al social network

Sfruttando il metodo degli ID univoci che vengono assegnati ad ogni utente nel momento dell’iscrizione al social network, è possibile risalire alle prime persone ad essersi registrate su Facebook, alle quali il sistema ha associato gli ID che vanno dal numero 1 al 10.
A cura di Dario Caliendo

E' ormai passata una decade da quando Zuckerberg  ha dato vita a Facebook, la sua rete sociale che da piattaforma riservata esclusivamente agli studenti di Harvard si è trasformata in un vero e proprio fenomeno in grado di influenzare il modo di comunicare di oltre 1,2 miliardi di utenti, e che ha costretto gli sviluppatori e gli esperti di marketing in tutto il mondo a rivedere i propri strumenti e le proprie tattiche di mercato.

In molti sono convinti che il primo utente ad apparire nel social newtork fosse stato il suo creatore, Mark Zuckerberg, ma in realtà non è così: i primi tre account ad essere registrati a Facebook nel 2004 ormai non esistono più ed erano praticamente tre utenti fasulli, che gli sviluppatori utilizzavano per eseguire i test di funzionamento della piattaforma.

GLI ID – Ogni utente su Facebook ha un ID univoco, ossia un numero che viene associato esclusivamente ad ogni profilo nel momento della registrazione. Quando, nel 2004, il social network era aperto esclusivamente agli utenti di Harvard, i numeri dedicati ai membri dell'ateneo andavano dallo 0 al 99999, una volta aperte le iscrizioni agli studenti della Columbia furono assegnati i numeri dal 100.000 al 199.999, mentre agli utenti di Stanford furono assegnati i numeri che andavano dal 200.000 al 299.999 e così via. Il sistema cambiò solo nel 2006, quando Facebook fu aperto a tutti, ma gli ID univoci dei primi utenti sono rimasti attivi sul social network ed è proprio grazie a questi numeri che si è riusciti a scovare i primi 10 utenti ad essersi registrati.

Cliccando sull'URL http://www.facebook.com/profile.php?id=4 infatti, si verrà ridiretti al profilo personale di Zuck (al quale è assegnato l'ID numero 4), seguito dai profili appartenenti ai suoi co-fondatori Chris Hughes e Dustin Moscovitz.

Chris Hughes è stato il primo portavoce di Facebook e, dopo aver lasciato l'azienda, ha partecipato alle campagne online di Barack Obama, per poi diventare il proprietario di un'importante rivista politica statunitense, la "New Republic", alla quale contribuisce tuttora attivamente come editore e caporedattore.

Dustin Moscovitz invece, ha lavorato per un lungo periodo al lato tecnico ed economico dell'azienda, fino al 2008 quando la lasciò per dare vita ad una nuova startup chiamata Asana, specializzata nella creazione di software dedicato alla gestione delle attività, che stranamente utilizza un sistema di login automatico tramite i dati di Gmail, e non quelli di Facebook.

La quarta persona ad iscriversi al social network fu Arie Hasit, il primo non fondatore ad unirsi alla società. Hasit entrò in Facebook grazie all'amicizia che lo univa con David Hammer e Collin Jackson, a loro volta amici di Chris Hughes, che contribuì attivamente all'introduzione del giovane programmatore in azienda.

Attualmente non si hanno notizie di quali fossero le identità degli utenti registrati con gli ID 8 e 9, che attualmente non sono più registrati al social network, ma se si inserisce nell'indirizzo di Facebook l'ID numero 10 compare la pagina di Marcel Laverdet, che nonostante non fosse uno studente di Harvard risulta comunque tra i primi utenti ad essersi registrati al social network.

Strano ma vero, tra i primi dieci utenti registrati al social network non compare il terzo socio di Zuckerberg, Eduardo Saverin (al quale è associato l'ID 46), il cui famoso litigio con Zuck ispirò il tema del film di David Fincher "The Social Network".

Facebook, uno studio evidenzia le migrazioni degli utenti del social network
Facebook, uno studio evidenzia le migrazioni degli utenti del social network
Facebook, il successo del social network finirà nel 2017
Facebook, il successo del social network finirà nel 2017
#FacebookDown, nuovi problemi per il social network
#FacebookDown, nuovi problemi per il social network
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni