Com'è ormai consuetudine, anche Apple quest'anno ha celebrato la giornata mondiale delle emoji fissata in data 17 luglio. La casa di Cupertino ha aderito all'iniziativa pubblicando un'anteprima delle faccine che vedranno la luce nei prossimi aggiornamenti software dei prodotti Apple previsti per questo autunno — ovvero macOS Catalina, watchOS 6, il nuovo iPadOS e quell'iOS 13 del quale si è già detto molto in questi mesi.

La casa di Cupertino ha messo l'accento dell'aggiornamento sulla diversità insita nelle nuove emoji in arrivo, sottolineando la presenza di personaggi gender neutral e precisando che la sola emoji della mano nella mano — simbolica per più motivi da questo punto di vista — è stata disegnata in oltre 75 varianti per rappresentare qualsiasi combinazione tra generi e tonalità della pelle delle figure coinvolte.

In realtà che le prossime emoji sarebbero state più inclusive era già chiaro dalle notizie diffuse direttamente dal consorzio Unicode al momento della chiusura del catalogo ufficiale Unicode 12.0, qualche mese fa. È proprio il consorzio infatti a stilare la lista definitiva delle faccine che poi Apple, Google, Microsoft, Facebook e altre aziende sono chiamate a interpretare. Dal momento però che il consorzio è formato da queste stesse (e molte altre) aziende, si può dire che la direzione dei nuovi contributi sia stata impartita proprio da queste ultime.

Come da copione aumenteranno dunque anche le emoji a tema disabilità — tra cani guida, sedie a rotelle, protesi e apparecchi acustici — ma anche le faccine dedicate ad altri ambiti della vita quotidiana, come waffle, aglio, burro e falafel in cucina e fenicottero, puzzola e bradipo tra gli animali ; e poi ancora nuove professioni, indumenti ed espressioni, per arrivare a 59 nuove emoji che su iOS appariranno a partire da questo autunno ma che anche sui software e sui sistemi operativi della concorrenza non tarderanno troppo ad arrivare.