Dopo 8 anni d'attesa dall'annuncio, tra cui nel mezzo vi sono stati 4 rinvii della data d'uscita, Cyberpunk 2077 è approdato lo scorso 10 dicembre su PS4, PS5, Xbox One e Series X|S, Stadia e PC. Tuttavia, il suo lancio ha rivelato una serie di criticità tecniche sulle console di vecchia generazione (PlayStation 4 e Xbox One), attenuate ma comunque presenti anche su PlayStation 5 e Xbox Series X|S, rispetto alla versione di gioco riservata a PC di fascia alta: l'unica che conferma quanto mostrato del gioco nel corso di questi anni. Una brutta sorpresa per molti utenti, dunque, che si sono riversati sulla piattaforma aggregatore di voti, Metacritic, per il cosiddetto review bombing, portando Cyberpunk 2077 ad avere votazioni vicine al 3. In breve, è nata una vera e propria bufera, che ha avuto ripercussioni anche sul valore in borsa del team di sviluppo polacco CD Projekt RED (lo stesso dell'apprezzato The Witcher), oggi in negativo dell'13,07%.

Tale situazione ha spinto i portavoce del team a pubblicare, sui vari canali social ufficiali, un messaggio di scuse per la poca trasparenza con cui il gioco è stato pubblicizzato. Del resto, i diversi video e trailer mostrati di Cyberpunk 2077 sono sempre stati tratti da PC di fascia alta. Le stesse recensioni della stampa specializzata, la quale ha premiato Cyberpunk 2077, sono state fatte sulla versione PC. Nessuno dunque aveva idea dell'attuale stato del gioco su console. A fronte del massiccio malcontento degli utenti, oltre alle doverose scuse, CD Projekt RED ha aggiunto che il team è al lavoro per correggere le magagne tecniche che affliggono il gioco su PS4 e Xbox One, tramite patch ed aggiornamenti previsti a gennaio e a febbraio. Infine, se non si vuole aspettare una versione corretta di Cyberpunk 2077, è possibile avviare delle pratiche di rimborso attraverso i canali su cui è stato effettuato l'acquisto del gioco. Nel caso di problemi, CD Projekt RED ha reso disponibile l’indirizzo helpmerefund@cdprojektred.com per potere dare il supporto necessario per le richieste di rimborso, che saranno accolte fino al prossimo 21 dicembre.