21 Giugno 2011
11:27

Google e diritto all’oblio: ex-senatore leghista chiede 10 milioni di risarcimento

Come proteggere i propri dati imbarazzanti in rete e chiedere il diritto all’oblio? Achille Ottaviani chiede un risarcimento di 10 milioni al motore di ricerca facendo rispuntare l’idea della cancellazione dell’identità virtuale con un solo click.
A cura di Vito Lopriore
Achille-Ottaviani-fa-causa-a-Google

Achille Ottaviani, ex senatore della Lega, primo sindaco leghista del Veneto a Soave e secondo d'Italia, ha denunciato i motori di ricerca e Google per vilipendio alla sua immagine pubblica. Nelle SERP (Search engine results page) di Google infatti è indicizzato un articolo, che fa parte dell’archivio del Corriere.it, che appare come quinto nella lista e che riporta un'autorizzazione a procedere per un reato dal quale è stato "assolto nel lontano 1996 dal Tribunale di Verona con formula piena perché il fatto non sussiste", come cita il politico.

Ottaviani, che è stato anche capogruppo della commissione Agricoltura e Vigilanza Rai per vent'anni, cerca di nuovo la prima pagina, sperando che questa notizia offuschi quella del procedimento a procedere, chiedendo a Google 10 milioni di euro come risarcimento per danni morali e materiali e il diritto all’oblio.

Del diritto all’oblio sul web in Italia si era parlato già a Marzo, quando un giudice del Tribunale di Chieti ha emesso una sentenza contro la testata giornalistica online PrimaDaNoi.it, ordinando la cancellazione di un articolo riguardante due persone arrestate, la cui posizione è stata archiviata dalla questura con la revoca delle misure cautelari, più il risarcimento di 5mila euro.

I motori di ricerca sono stati definiti dall’ex-senatore leghista dei mostri informatici che “usano sistemi inattaccabili e per un certo verso barbari, contro i quali è praticamente impossibile combattere” e che ignorerebbero l’attività come parlamentare e capogruppo della commissione agricoltura e vigilanza Rai di vent’anni, pubblicando solo la questione giudiziaria per cui ha ottenuto l’assoluzione con formula piena nel 1996. Attraverso gli studi legali Leopizzi del foro di Lecce e Smith, Rogers & Partners di New York, Ottaviani chiede una sorta di ricostruzione editoriale della sua carriera a Google, ottenendo molta visibilità anche in rete per questo e annuncia che, in caso di vittoria, devolverà l’eventuale risarcimento all’associazione dei familiari dei magistrati vittime di mafia.

Google-e-il-diritto-alla-privacy

Dopo una vicenda simile in Spagna, dove molti cittadini si sono lamentati che alcuni episodi della loro vita, quali condanne inflitte molti anni fa o altre questioni di non poco imbarazzo, rispuntino sul web, il direttore delle relazioni esterne di Google Europa, Peter Barron, ha dichiarato "Le leggi spagnole e comunitarie affermano che l'editore è responsabile dei contenuti pubblicati. Esigere però che gli intermediari, come i motori di ricerca, censurino i contenuti pubblicati da altri, avrà un effetto sulla libertà di espressione, senza per altro proteggere la privacy".

Viviane Reding, Commissario UE per la giustizia, i diritti fondamentali e la cittadinanza, ha replicato "La protezione dei dati personali è un diritto fondamentale, per garantirlo abbiamo bisogno di norme chiare e coerenti. Dobbiamo quindi aggiornare la nostra legislazione perché faccia fronte alle sfide poste dalle nuove tecnologie e dalla globalizzazione".

Il riferimento è al diritto all'oblio nel web di dati che violerebbero la privacy; alla fine del 2009 è arrivata la web suicide machine che permette di cancellare i propri account dalla rete (Facebook, Myspace, Twitter, LinkedIn) in un solo click in meno di un'ora, ma chi sarebbe pronto a cancellare la propria identità virtuale ed avviare così il proprio suicidio web 2.0?

Google+ annuncia 10 milioni di utenti ma la rete non regge
Google+ annuncia 10 milioni di utenti ma la rete non regge
L'UE si batte per il diritto all'oblio sul Web
L'UE si batte per il diritto all'oblio sul Web
Google riempie di milioni i suoi dipendenti per non farli andare via
Google riempie di milioni i suoi dipendenti per non farli andare via
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni