Si chiama Stadia il tanto rumoreggiato servizio di videogiochi in streaming di Google, che negli ultimi mesi ha fatto parlare tanto di sé alimentando indiscrezioni che hanno portato fino ad oggi, con l'annuncio ufficiale da parte dell'azienda americana durante la GDC. Big G entra così ufficialmente nel mondo dei videogiochi con una proposta che vuole unire l'entusiasmo per i videogame e i gameplay su YouTube, cavalcando l'enorme trend positivo di un settore che ad oggi ha oltre 2 miliardi di giocatori in tutto il mondo. Stadia è un servizio – e non una vera e propria console – che si basa fortemente sulla potenza di calcolo in mano a Google con i suoi server, che consentirà di giocare ai titoli in streaming senza scaricare nulla in locale.

Stadia, che cos'è

Con Stadia Google propone un servizio di streaming videoludico disponibile virtualmente su qualsiasi dispositivo, dallo smartphone al PC, semplicemente utilizzando Chrome. Un esempio? State guardando il trailer del nuovo capitolo della serie Assassin's Creed su YouTube, che alla fine mostra il pulsante "Gioca su Stadia". Cliccandolo, nel giro di meno di 5 secondi verrete portati alla schermata del gioco, che sarà disponibile totalmente in streaming senza attendere tempi di download. Lo stesso si potrà fare con uno streaming video di uno youtuber, che può "aprire" le sue partite a chi lo sta seguendo, per esempio organizzando una sfida a FIFA con gli spettatori accessibile direttamente dal browser. Questo funzionerà su PC, smartphone, tablet e TV con Chromecast. Una proposta simile a quella di PlayStation Now, ma che non è legata esclusivamente ad una console fisica e risulta essere integrata all'interno di tutto l'ecosistema di Google.

I dispositivi compatibili con Stadia

Non essendo basato su una console fisica ma sulla potenza dei server di Google, Stadia può essere utilizzato su qualsiasi dispositivo in vostro possesso che possa far girare Chrome. Dall'ovvio PC al tablet, passando per lo smartphone e la televisione, dove basterà collegare un Chromecast. Il tutto avverrà in streaming, sfruttando la connessione ad internet per giocare in remoto i videogiochi, che di fatto saranno trattati come una sorta di puntata di una serie TV su Netflix. La sua natura cloud peraltro non richiede dispositivi particolarmente potenti perché tutto il calcolo viene effettuato lato server.

Stadia controller

Il servizio di Google sarà compatibile con tutti i controller già in nostro possesso, sia che si tratti di soluzioni con cavo che di controller bluetooth. L'azienda di Mountain View ha però presentato anche lo Stadia Controller, una proposta proprietaria disponibile in tre colorazioni – bianca, nera e verde – da utilizzare con tutti i dispositivi compatibili con il servizio.

Stadia, quanto è potente

Essendo basato sul cloud, il servizio può contare su una potenza di calcolo enorme. Attualmente le console da gioco casalinghe si fermano ad una GPU da 4,2 teraflop per quanto riguarda la PlayStation 4 Pro e da 6 teraflop per l'Xbox One X, attualmente la console più potente sulla carta. Stadia, invece, può contare su una potenza di 10,7 teraflop, più di entrambe le console messe insieme. Un vantaggio considerevole visto che in questo modo Stadia potrà offrire giochi veloci e fluidi, ma anche al massimo dei dettagli. Si parla di 4K HDR a 60 frame per secondo, ma anche della possibilità di tornare a giocare in multigiocatore in splitscreen, una funzionalità sempre più rara per le risorse che richiede in termini di potenza di calcolo. Con il cloud questo problema non si pone.

Quali videogiochi saranno disponibili

Di titoli giocabili su Stadia si è paradossalmente parlato poco. Questo perché la conferenza di oggi è comunque da vedere come un evento destinato agli sviluppatori, anche e soprattutto quelli che i videogiochi li dovranno sviluppare. Di certo sappiamo che Assassin's Creed Odyssey dovrebbe essere giocabile attraverso il servizio, così come NBA 2K19. Google ha anche annunciato che Doom Eternal sarà disponibile al lancio della piattaforma. Le esclusive per Stadia saranno garantite dallo Stadia Games and Entertainment, uno studio di sviluppo presentato da Google.

La data di uscita e il costo di Stadia

Stadia sarà lanciata nel corso del 2019, inizialmente negli Stati Uniti, in Canada, nel Regno Unito e nella maggior parte dell'Europa. Non è ancora chiaro quali saranno i prezzi del servizio e in che maniera Google monetizzerà la piattaforma. Potrebbe essere attraverso un abbonamento mensile oppure semplicemente facendo acquistare i singoli giochi come accade oggi sugli store digitali. Se siete interessati a provare per primi il servizio potete registrarvi sul sito ufficiale stadia.com.