Con un annuncio piuttosto inaspettato, e mentre l'attenzione di tutti era rivolta sulle nuove modalità di utilizzo della realtà aumentata presentate in apertura del keynote del Google I/O 2019, il colosso di Mountain View ha presentato una nuova versione del suo Google Assistant, che entro la fine del 2019 (e probabilmente solo nei Pixel 4) utilizzerà un modello tutto nuovo e meno avido di dati. Si passa dai 100 GB di spazio necessaro per la versione attuale, ad appena 500 MB: è un cambiamento sostanziale, che permetterà l'esecuzione di Assistant in locale, senza quindi la necessità di una connessione internet, e garantirà tempi di attesa 10 volte più veloci.

Il nuovo Google Assistant

Questo particolare modello locale di Google Assistant, permetterà ai nuovi Pixel 4 di eseguire numerose funzioni in successione, senza la necessità di pronunciare la hotword Ok Google, e potrebbe introdurre – perché no – un nuovo modo di utilizzare lo smartphone, che sarà sempre più caratterizzato da interazioni miste tra touch screen e voce e molto fluido e prestante.

Google Assistant migliora anche durante l'utilizzo in auto, grazie alla nuova Modalità Guida che, grazie ad un'interfaccia grafica disegnata appositamente per rendere l'utilizzo dello smartphone più veloce e sicuro possibile, metterà a disposizione una serie di collegamenti veloci nella home del dispositivo con i quali si potrà accedere ad i task più utilizzati e più utili per ognuno degli utenti Android: la scelta di questi elementi sarà del tutto automatica e guidata dal machine learning di Google, che studierà le abitudini del proprietario dello smartphone.

Non si hanno ancora notizie ufficiali circa la data di rilascio del nuovo Google Assistant, ne tantomeno se si tratterà di un aggiornamento destinato esclusivamente alla versione in lingua inglese dell'Assistente. Quello che è certo, però, è che la nuova versione dell'Assistente Google sarà disponibile solo sui nuovi Pixel in arrivo il prossimo autunno.