4 Dicembre 2021
12:32

I ladri nascondono gli AirTag sulle auto per rintracciarle al momento del furto

La polizia canadese ha riferito di cinque casi in cui i dispositivi sono stati utilizzati per seguire i veicoli da parcheggi pubblici a luoghi più appartati.
A cura di Lorenzo Longhitano

Gli AirTag di Apple sono accessori formidabili per ritrovare gli oggetti dimenticati tra i cuscini del divano o persi nel tragitto tra casa e la scuola o il posto di lavoro, ma la loro semplicità d'uso e la loro precisione li rendono anche strumenti pericolosi nelle mani di eventuali malintenzionati. A dimostrarlo c'è un caso messo alla luce dalla polizia canadese, che ha riferito di cinque furti d'auto avvenuti con modalità simili e basati tutti sull'utilizzo del tracciatore bluetooth della casa di Cupertino: in tutti i casi dispositivo è stato posizionato dai ladri a bordo delle automobili delle quali desideravano impadronirsi, per poi rintracciarle fino al domicilio dei proprietari e attendere la notte per compiere il furto.

AirTag, il rovescio della medaglia

Gli AirTag di Apple sono trasmettitori bluetooth che si possono agganciare a oggetti di valore come valigie, borse e portachiavi, e stanno avendo un buon successo proprio perché funzionano meglio delle altre controparti. Il loro segreto è che possono comunicare con tutti gli iPhone esistenti e attivi nel raggio di azione del loro chip bluetooth; a prescindere da chi sia il proprietario del telefono nelle vicinanze, se il gadget rileva la presenza di un AirTag lo localizza utilizzando la propria posizione. Il risultato è che il proprietario può localizzare il dispositivo con l'aiuto automatico di milioni di iPhone distribuiti in tutto il mondo, ma il problema è che il proprietario di un AirTag potrebbe non avere buone intenzioni e voler nascondere appositamente il prodotto in uno zaino o una borsa per seguire a distanza qualcuno o qualcosa.

Le auto rubate

È quello che è successo in almeno cinque casi rivelati dalla polizia di York, in Canada. Gli investigatori hanno raccontato che i furti – avvenuti tutti negli ultimi tre mesi – si sono svolti con modalità simili: gli AirTag sono stati nascosti sulle auto da rubare quando erano parcheggiate all'interno di parcheggi pubblici, e seguite fino a quando le condizioni per sottrarle ai proprietari non erano ideali. Stando quanto riportato, a facilitare il compito sarebbe stata proprio la rete di comunicazione Dov'è, che ha reso meno rischioso tenere sotto controllo i veicoli.

La soluzione di Apple

La casa di Cupertino è al corrente del problema e negli ultimi mesi ha individuato alcune soluzioni che lo mitigano. Innanzitutto gli AirTag iniziano a emettere un suono dopo un intervallo di tempo troppo lungo (dalle 8 alle 24 ore) passato lontano dal proprietario, in modo che eventuali persone o individui seguiti possano rendersi conto della presenza del gadget di tracciamento; l'ultimo aggiornamento di iOS permette inoltre ai proprietari di iPhone di sapere se nei dintorni c'è un AirTag di qualcun altro, e la stessa novità verrà introdotta sui telefoni Android con un'app specifica. I casi come quelli riportati dalla polizia canadese rimangono però parzialmente scoperti, poiché le auto finite nel mirino dei criminali potrebbero essere state parcheggiate lontano dalla portata acustica degli accessori.

Con il prossimo aggiornamento di iPhone puoi sapere se qualcuno sta usando gli AirTag per seguirti
Con il prossimo aggiornamento di iPhone puoi sapere se qualcuno sta usando gli AirTag per seguirti
È l'ora di Halo Infinite: tutto quello che devi sapere sul gioco del momento
È l'ora di Halo Infinite: tutto quello che devi sapere sul gioco del momento
Su Instagram puoi fare la tua compilation dei momenti migliori del 2021
Su Instagram puoi fare la tua compilation dei momenti migliori del 2021
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni