4 Luglio 2012
12:20

Il Parlamento europeo ha bocciato l’#ACTA

Il parlamento europeo ha definitivamente bocciato l’ACTA, l’accordo commerciale che avrebbe messo a rischio la libertà della rete legittimando la censura online. Storica vittoria degli attivisti del web.

Il Parlamento europeo ha votato contro l'ACTA, il controverso accordo commerciale che mirava a stabilire leggi più severe sul copyright. ACTA è stato bocciato da cinque commissioni del Parlamento europeo.

Dietro la sigla ACTA, in inglese Anti-Counterfeiting Trade Agreement, c’è una trattativa internazionale in corso dal 2008, ma che fino a pochi mesi era rimasta poco conosciuta. L’obiettivo dell’accordo era uniformare le leggi internazionali che regolano la proprietà intellettuale, in modo da poter disporre di metodi più efficaci per contrastare la pirateria e la contraffazione, in primo luogo su internet. Se l'ACTA fosse passato ci sarebbe stato un pericoloso potenziamento delle singole autorità nazionali di controllo sulle telecomunicazioni (in Italia è l’AGCOM) e un aumento di responsabilità per i fornitori di servizi internet che sarebbero stati  considerati corresponsabili delle attività degli utenti e di conseguenza avrebbero aumentato il controllo della rete e la censura dei contenuti pubblicati online.

L'accordo in questi mesi è stato molto criticato poiché oggetto di negoziati riservati fra gli Stati e ritenuto lesivo dei diritti e delle libertà fondamentali dei cittadini europei e non europei al punto da innescare una vasta mobilitazione internazionale.

ACTA verso la bocciatura, anche la Kroes si schiera contro
ACTA verso la bocciatura, anche la Kroes si schiera contro
Il Parlamento Europeo vuole vietare alla polizia il riconoscimento facciale nei luoghi pubblici
Il Parlamento Europeo vuole vietare alla polizia il riconoscimento facciale nei luoghi pubblici
Nomine AgCom, caos in Parlamento
Nomine AgCom, caos in Parlamento
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni