Assalto al Congresso Usa dei sostenitori di Trump
3 Giugno 2021
16:52

Il social di Trump (diventato un blog) ha chiuso dopo meno di un mese

La parabola dell’anti-Twitter di Donald Trump si è conclusa in queste ore con l’interruzione delle attività di From the Desk of Donald J. Trump, ovvero l’ultima forma che aveva assunto il progetto annunciato ormai mesi fa. Uno dei consiglieri ha anticipato però che la mossa è il preludio al trasloco su una piattaforma già esistente.
A cura di Lorenzo Longhitano
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Assalto al Congresso Usa dei sostenitori di Trump

Doveva essere un social network alternativo per tutti i sostenitori dei repubblicani e dell'alt right statunitensi; poi si è trasformato in un blog personale con interventi confezionati e pronti da ricondividere e ora è stato chiuso per sempre: la parabola dell'anti-Twitter di Donald Trump si è conclusa in queste ore con l'interruzione delle attività di From the Desk of Donald J. Trump, ovvero l'ultima forma che aveva assunto il progetto. I sostenitori più fedeli dell'ex presidente statunitense si sono accorti già da qualche ora della novità, ma a riferire che il sito non tornerà più online è stata la CNBC, tramite un'intervista a uno dei consiglieri dell'imprenditore.

L'espulsione a gennaio

From The Desk of Donald J. Trump è solo l'ultimo tentativo da parte dell'ex presidente di riuscire a svincolarsi dai social tradizionali per far arrivare la sua voce a milioni di persone senza dover rendere conto di regole e moderazioni. Espulso da Twitter, Facebok, YouTube e qualunque altra piattaforma rilevante dopo l'assalto al Congresso del 6 gennaio, l'ex inquilino della Casa Bianca aveva accusato i gestori di essersi accaniti contro di lui con motivazioni politiche, anticipando che sarebbe migrato presto altrove per far sentire la propria voce. Pochi giorni dopo, una delle destinazioni più probabili, il social alternativo Parler, è stato però espulso a sua volta dagli negozi digitali di smartphone e tablet perché ritenuto inadeguato a moderare posizioni estremiste e violente.

Da social network a blog personale

L'annuncio di Trump di un nuovo social creato da zero è seguito a stretto giro, ma non ha portato a nulla del genere. L'unica soluzione partorita dal team tecnico che assiste l'imprenditore miliardario è stata proprio From the Desk of Donald J. Trump, non un vero social ma un blog che si appoggiava al sito personale di Trump e racchiudeva dichiarazioni dell'ex presidente pronte da ricondividere altrove sotto forma di citazioni e link. Dopo meno di un mese anche quel progetto è giunto a conclusione, e Trump si trova apparentemente ancora senza un luogo dal quale potersi esprimere con il pubblico di milioni di persone al quale l'avevano ben abituato Twitter e Facebook.

Il possibile ritorno su Parler

La situazione potrebbe però essere temporanea. Da una parte infatti, il consigliere di Trump Jason Miller ha confermato a CNBC che il blog non tornerà più online; d'altro canto, interpellato su Twitter, Miller ha anticipato che la mossa potrebbe essere effettivamente il preludio di un trasloco su una piattaforma social vera e propria. I sospetti a questo punto ricadono ancora una volta su Parler, che dopo le prime settimane di problemi con Google, Apple e Amazon, è riuscita a tornare online sul web e su smartphone.

Donald Trump potrebbe presto essere riammesso su Facebook
Donald Trump potrebbe presto essere riammesso su Facebook
Congresso Usa, Fbi pubblica video del presunto attentatore
Congresso Usa, Fbi pubblica video del presunto attentatore
282 di Solo Video
Assalto Congresso Usa, spunta video del presunto attentatore: aveva uno zaino pieno d’esplosivo
Assalto Congresso Usa, spunta video del presunto attentatore: aveva uno zaino pieno d’esplosivo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni