295 CONDIVISIONI
10 Dicembre 2012
17:14

In manette il proprietario di YouPorn per evasione fiscale

Fabian Thylmann, lo zar del porno online a capo di un vero e proprio impero, avrebbe evaso le tasse secondo il governo tedesco. Le manette sono scattate a Bruxelles, Berlino però ha già chiesto l’estradizione.
A cura di Angelo Marra
295 CONDIVISIONI

La resa dei conti tra i governi europei e i grandi marchi della tecnologia e della rete vede aprirsi un nuovo capitolo, quello contro YouPorn, il più celebre sito a luci rosse del mondo. Dopo una serie di visite della polizia tributaria in una delle sedi delle decine di società che compongono la galassia di YouPorn, la Procura di Colonia ha spiccato un mandato d'arresto per il numero uno del colosso hard, Fabian Thylmann, fermato dagli agenti all'aeroporto di Bruxelles. Nel 2006 Thylmann, all'epoca un semplice programmatore, ha avuto la geniale intuizione delle enormi possibilità economiche derivanti dalla pornografia in rete, in particolar modo quella gratuita.

In poco meno di un lustro la sua holding ha raccolto oltre 35 aziende diverse (tra cui Pornhub, Brazzers, MyDirtyHobby ed il più celebre YouPorn), tutte operanti nello stesso settore dell'eros digitale e della raccolta pubblicitaria, arrivando così a raccogliere qualcosa come 60 milioni di visitatori ogni giorno, incassando una fortuna con la pubblicità in tutto il mondo. Come in altri casi noti però, la sua holding, Manwing Sarl, risiede in Lussemburgo, dove la pressione fiscale – inutile dire – è tra le più basse e questo ha finito per attirare l'attenzione della polizia tributaria tedesca, con tanto di perquisizione degli uffici e persino della residenza di Thylmann, fino al suo arresto.

295 CONDIVISIONI
Commercialista.com, il servizio di ricerca per la consulenza fiscale. Intervista a Marco D'Alia e Gianluca Ciralli
Commercialista.com, il servizio di ricerca per la consulenza fiscale. Intervista a Marco D'Alia e Gianluca Ciralli
YouPorn, 4,85 miliardi di visite nel 2012, Italia al 4° posto
YouPorn, 4,85 miliardi di visite nel 2012, Italia al 4° posto
Google sposta l'80% del suo fatturato alle Bermuda e risparmia 2 miliardi di tasse
Google sposta l'80% del suo fatturato alle Bermuda e risparmia 2 miliardi di tasse
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni