139 CONDIVISIONI
3 Marzo 2011
07:30

Internet candidato al Premio Nobel per la pace: ce la farà quest’anno?

Per il secondo anno consecutivo, Internet è stato candidato al Premio Nobel per la pace, probabilmente grazie alle rivoluzioni che hanno scosso il Nord Africa negli ultimi mesi. E se dovesse vincere, a chi spetterà il premio?!
A cura di Mario Maaroufi
139 CONDIVISIONI

headerMail

Era già successo lo scorso anno, quando Internet era stato candidato al Premio Nobel per la pace. Tra le polemiche e le mille domande sul se fosse giusto o meno assegnare il prestigioso riconoscimento ad una rete, il Premio era poi andato a Liu Xiaobo, attivista cinese e difensore dei diritti umani costretto agli arresti domiciliari dal Governo di Pechino. Le nomination quest'anno sono più numerose di quelle collezionate nel 2010: ben 241 contro 237. Un numero superiore persino a quelle di WikiLeaks, dell'Unione Europea e dell'attivista africana Sima Samar.

Ad esprimere il loro suggerimento sono stati il Parlamento Internazionale, i vincitori delle passate edizioni del Nobel e anche importanti professori: ora, la decisione spetterà al Norwegian Nobel Committee, un comitato di 5 membri designato appositamente per decretare il vincitore del Premio. Certo, rispetto all'anno scorso le motivazioni per assegnare il Nobel alla rete sono aumentate e ne stiamo vedendo gli effetti ancora in questi giorni. Tunisia, Egitto e Libia: questi i nomi chiave che dovrebbero far pensare al ruolo attuale della rete, che ha fornito al popolo un valido strumento di comunicazione per organizzare rivolte contro i regimi al Governo da decenni.

Senza contare che WikiLeaks fa parte della rete e che se il premio fosse assegnato ad Internet, in un certo senso, verrebbe premiato anche il sito di Julian Assange, a cui non possiamo togliere il merito di aver contribuito ad una maggiore libertà d'informazione. Non ci resta che attendere il prossimo ottobre, mese in cui i Premi Nobel verranno assegnati.

Una domanda, però, è destinata a colmare l'atteesa: a chi spetterebbe l'assegno da 1,5 milioni di dollari se fosse Internet a trionfare?

139 CONDIVISIONI
Per Rifare l’Italia: la ricostruzione è cominciata
Per Rifare l’Italia: la ricostruzione è cominciata
Banca dell'innovazione: Wired intervista Edmund Phelps
Banca dell'innovazione: Wired intervista Edmund Phelps
Proteste in Turchia contro la censura di Internet
Proteste in Turchia contro la censura di Internet
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni