Jeff Bezos Amazon

È bastato un messaggio su WhatsApp per hackerare lo smartphone di una delle persone più in vista del mondo della tecnologia: Jeff Bezos, fondatore e CEO di Amazon, è stato colpito da un malware inviato dal principe dell'Arabia Saudita Mohammed bin Salman su WhatsApp. A rivelarlo è un'inchiesta del The Guardian, che riporta come i risultati di un'indagine sull'attacco hacker ai danni del magnate abbiano svelato che a consentire il furto delle informazioni dal dispositivo sia stato un semplice messaggio inviato nel maggio 2018.

Così hanno hackerato il telefono di Bezos

Secondo il rapporto, Bezos e Salman stavano messaggiando attraverso la popolare applicazione di messaggistica quando il principe ha inviato al CEO un misterioso file video. Una volta aperto, questo ha compromesso il dispositivo di Bezos e diversi giga di dati sono stati caricati online in automatico. Salman era già finito al centro di una polemica lo scorso anno riguardo l'omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi. "Recenti informazioni suggeriscono che il regno sia responsabile dell'hackeraggio del telefono del signor Bezos" si legge in una nota inviata dall'ambasciata saudita americana. "È assurdo. Chiediamo un'indagine su queste accuse".

Quello che stupisce, però, è che si tratta della seconda breccia nella sicurezza di Bezos. Nel febbraio 2019, come dichiarato dallo stesso CEO di Amazon, il National Enquirer avrebbe ottenuto l'accesso ai dati di Bezos per poi ricattarlo con informazioni e fotografie relative ad un supposto tradimento della moglie, con cui poi ha divorziato. Giocando d'anticipo, il fondatore di Amazon ha divulgato tutto attraverso un post su Medium, accusando la testata di averlo ricattato con queste informazioni. Proprio l'Arabia Saudita sarebbe diventata una dei principali sospettati secondo il capo della sicurezza di Bezos, Gavin de Becker, che nel 2019 aveva già suggerito l'ipotesi che la fonte del National Enquirer fosse proprio saudita.

Perché Jeff Bezos è stato hackerato

Ma perché colpire Bezos? Secondo molti, l'attacco personale sarebbe dovuto alla copertura estensiva che il The Washington Post, di proprietà proprio del fondatore di Amazon, avrebbe dato all'omicidio del giornalista saudita, che secondo la CIA sarebbe stato ordinato dallo stesso principe Salman. Hackerare il telefono di Bezos potrebbe aver avuto l'obiettivo di ottenere informazioni con le quali fare leva sul Post per addolcire il racconto del regno saudita, sul quale il giornale è stato sempre molto critico con editoriali scritti anche dallo stesso Khashoggi. "Probabilmente pensava che avendo qualcosa su Bezos avrebbe potuto controllare la copertura dell'Arabia Saudita da parte del Post" ha spiegato Andrew Miller, un esperto del Medio Oriente ed ex consulente per la sicurezza nazionale dell'amministrazione Obama. "È chiaro che i sauditi non hanno limiti in termini di cosa sono disposti a fare per proteggere il principe, anche se si tratta di andare contro il capo di una delle aziende più grandi al mondo.