Opinioni
8 Ottobre 2014
11:08

MakeItApp, il social per trovare talenti con cui creare un’applicazione in crowdsourcing

Si propone la propria idea e si costruisce un team di talenti con il quale portarla avanti fino alla pubblicazione su App Store e Play Store. È la realtà di MakeItApp, start-up italiana che mette a disposizione una grande comunità di designer, programmatori, project manager, etc con i quali dare vita ai propri progetti.
A cura di Marco Paretti
MakeItApp

Avete mai pensato di creare un'applicazione da pubblicare su Apple Store o Play Store? Probabilmente molti di voi si sono lasciati fermare da un grande ostacolo: non sapere nulla di programmazione. Quando si parla di app, in effetti, questa può essere una complicazione non da poco, anche perché la creazione completa di un software di questo tipo non è proprio immediata.
Inizialmente deve aver pensato questo Francesca Venir, babysitter quarantenne e casalinga con la passione per le piante, passione che l'ha portata a progettare un'applicazione per la loro gestione poi concretizzata grazie a MakeItApp, servizio che mette in contatto i creativi con sviluppatori, designer, project manager e tutte le figure che possono aiutarli a creare una app di successo.

“Una sera mio marito Sergio, tornando dal lavoro, mi ha parlato di una società, MakeItApp, la quale è ‘una fucina’ che produce app" ha spiegato Francesca "La cosa che mi è piaciuta molto è che non c’era bisogno di avere esperienza in campo informatico, bastava avere un’idea valida e la passione giusta”.
Ed è proprio questo il punto di forza di MakeItApp; l'esperienza non serve perché basta proporre la propria idea e cercare talenti in grado di portarla avanti, accordandosi sulla percentuale dei ricavi futuri. Insomma, si crea una piccola start-up. MakeItApp, dal canto suo, mette a disposizione una serie di strumenti di supporto, mentre a pubblicazione avvenuta si occupa anche di promozione e marketing. Il costo del servizio? Il 30% sui ricavi, mentre il 70% viene ridistribuito tra i membri del progetto.

MakeItApp

“Mi sono collegata al sito, ho compilato la scheda d’iscrizione e ho atteso che venisse accettata. Quando ho ricevuto la risposta positiva dall’App Angel ero strafelice" ha continuato Francesca "Finalmente potevo creare un’applicazione con il contributo di altre persone. Fortunatamente ho avuto un team fantastico, che ringrazio ancora. In particolare mi hanno aiutata molto nell’impostare la mia idea in modo tale che fosse informatizzabile”

L'applicazione di FrancescamyPlants, la prima app gestionale per curare fiori, piante, giardini e terrazzi – ha da poco raggiunto il podio delle migliori app italiane all'AppsDay2014.
Un successo che non sarebbe stato possibile senza il supporto della comunità di talenti messa a disposizione da MakeItApp. Sul blog del servizio trovate altre storie simili a quella di Francesca, come l'app per il traffico stradale di una studentessa dell'Accademia di Brera o quella per recensire i ristoranti in maniera alternativa di un ingegnere.

Giornalista dal 2002 specializzato in nuove tecnologie, intrattenimento digitale e social media, con esperienze nella cronaca, nella produzione cinematografica e nella conduzione radiofonica. Caposervizio Innovazione di Fanpage.it.
Facebook annuncia Rooms, l'applicazione per creare discussioni in forma anonima
Facebook annuncia Rooms, l'applicazione per creare discussioni in forma anonima
Zuckerberg, un crowdsourcing per trovare la sua sfida del 2015
Zuckerberg, un crowdsourcing per trovare la sua sfida del 2015
Quicket, l'applicazione social per fare nuove amicizie in volo
Quicket, l'applicazione social per fare nuove amicizie in volo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni