Giornata ricca di novità per Facebook, Messenger e WhatsApp. Nel corso del keynote di apertura dell'F8 2019, Mark Zuckerberg ha subito dato conferma ad alcune indiscrezioni trapelate nelle scorse ore, riguardo un ipotetico nuovo Messenger, totalmente rivoluzionato tecnicamente e molto più veloce rispetto alla versione attuale, che sarà accompagnato da una serie di nuove funzionalità e dalle applicazioni native per Mac e Windows.

Messenger con Lightspeed, cosa cambia

Il primo progetto pensionato da Zuckerberg, che rivoluzionerà l'esperienza di Facebook Messenger si chiama LightSpeed, ed ha un unico e semplice scopo: rendere più veloce l'applicazione per le chat su Facebook, riscrivendone totalmente l'intero codice.

La nuova versione di Messenger si avvierà in meno di due secondi e sarà anche molto più leggera: il peso dovrebbe essere ridotto di almeno il 30% per non superare i 30 MB necessari per il download (l'attuale versione dell'app pesa quasi 100 MB).

Non si hanno ancora dettagli circa le tempistiche per il rilascio globale.

Messenger Desktop per Mac e Windows

Entro il 2019, Facebook rilascerà due nuove applicazioni native di Messenger per Mac we Windows. Si tratterà di app complete in tutte le funzionalità già implementate nelle versioni per dispositivi mobili, compresa la possibilità di effettuare videochiamate e chat di gruppo.

Non è ancora chiaro se sarà basata sul codice LightSpeed, cosa piuttosto improbabile, ma Zuckerberg ha messo bene in chiaro che i test sono già in corso.

Il salotto digitale di Messenger

Della possibilità di vedere video in diretta con i propri amici si era già parlato in passato, e Google con Uptime ne aveva mostrato le potenzialità. Presto però, questa particolare funzionalità sarà implementata anche in Messenger, con un'interfaccia nella quale verrà visualizzato il video a schermo intero, con un piccolo riquadro rettangolare nel quale verrà mostrato l'interlocutore.

"Se anche voi avete una sorella che vive lontano con cui condividete la passione per Game of Thrones non farete fatica, in questo periodo, a cogliere il potenziale della funzionalità".

Anche per questa funzionalità, però, non si ha una data di rilascio: Zuckerberg ha chiarito però, che è già in fase di test e che potrebbe essere rilasciata entro la fine del 2019.