La pandemia di coronavirus causa ancora cancellazione di eventi del settore videoludico. Dopo l’annullamento della GDC 2020 di San Francisco e dell'E3 2020 di Los Angeles – adesso a lavoro per l'organizzazione di eventi digitali – è la volta delle iniziative della Overwatch League, la lega esport professionale dedicata al celebre sparatutto online Overwatch. Già a gennaio erano state annullate le partite in Cina, ma con la diffusione del virus al di fuori dei confini cinesi, arriva la scelta da parte di Blizzard di annullare gli eventi previsti per marzo e aprile. La notizia arriva dalla stessa compagnia tramite post sul blog ufficiale. "Stiamo monitorando costantemente COVID-19 (coronavirus), le raccomandazioni cittadine e tutte le linee guida stabilite dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Dopo un'attenta analisi e lavoro in collaborazione con i nostri team, stiamo cancellando tutti gli eventi della Overwatch League programmati per marzo e aprile. Per ulteriori dettagli su questi specifici eventi, vi preghiamo di consultare il nostro sito e di seguire i nostri canali social".

Occorre però precisare che la Overwatch League non si ferma. Le partite verranno giocate comunque, e l'annullamento riguarda esclusivamente gli eventi in live previsti per questa primavera. La specificazione arriva da Jon Spector, vicepresidente di Overwatch Esport, che scrive su Reddit: "Giusto per essere chiarissimi su questo punto, gli eventi di marzo e aprile vengono annullati, ma continueremo a giocare partite in questo periodo. Condivideremo più specifiche appena possibile". Blizzard è infatti impegnata per garantire la massima salvaguardia dei team partecipanti al torneo. Un'attenzione già dimostrata in precedenza a gennaio: diverse squadre di pro-player cinesi sono finite in quarantena o sono state trasferite in altri paesi, come la Corea del Sud. Adesso tale attenzione è rivolta a tutti i partecipanti, vista la diffusione del virus.