Il pesce d'aprile è ormai una tradizione. E questo è un dato di fatto. È arrivato anche quest ‘anno, sempre nello stesso giorno. E questo è un altro dato di fatto. Quello che però lo sta diventando sempre di più (un dato di fatto) è che il pesce d'aprile sia una tradizione soprattutto per le aziende tecnologiche.

Google, regina degli scherzi, Nokia, Sony e OnePlus sono solo alcune delle aziende che il primo aprile hanno tentato di prendersi gioco dei propri utenti (in via del tutto scherzosa, è chiaro). E se i fool che ci cascano sono sempre meno, aumenta sempre di più la creatività dei big del tech che, quest'anno, si sono dati davvero alla pazza gioia.

Gli scherzi di Google

Da sempre Google è regina degli scherzi e degli easter egg. Tutte le versioni di Android integrano un gioco o una funzionalità nascosta nelle impostazioni di sistema e negli ultimi anni il colosso di Mountain View si è dato da fare anche con i pesci d'aprile. Ma mai come quest'anno. Il primo aprile Google ha pubblicato ben 5 scherzi, quattro dei quali davvero geniali.

Il pulisci schermo nell'app File

L'app File di Google non serve più solo per pulire la memoria interna degli smartphone Android, eliminando i contenuti e i file non necessari ma, udite udite, è anche in grado di pulire fisicamente lo schermo tramite una nuova funzione che rileva la sporcizia e la rimuove tramite delle vibrazioni aptiche.

Snake in Google Maps

Quale migliore ambiente per Snake, se non il mondo intero? Proprio per questo quelli di Google hanno ben pensato di integrare l'intramontabile gioco di Nokia in Google Maps. Per giocare a Snake in Google Maps è sufficiente accedere al menu delle impostazioni delle app per Android ed iOS, e selezionare l'opzione "Gioca a Snake". È inoltre possibile farlo tramite un sito dedicato, ma in ogni caso il serpente è sostituito da un treno che deve caricare il maggior numero di passeggeri.

Google Tulip

Novità anche per Google Home, che ora parla la lingua dei tulipani. L'applicazione, sviluppata chiaramente in Olanda, permetterà a chiunque sia in possesso di un assistente digitale Google di parlare con i propri tulipani. Basterà dire "Hey Google, parla con il mio tulipano" per iniziare a conversare.

Gboard si controlla con il cucchiaio

Non solo touch e voce. La tastiera di Google presto si potrà controllare con un cucchiaio. L'utilizzo è molto semplice: basta inserire un banale cucchiaio da cucina in un particolare dispositivo e scegliere le lettere sulla tastiera piegandolo a nostro piacimento.

Il pesce d'aprile di OnePlus

Il pesce d'aprile più divertente realizzato da OnePlus non è la WarpCar, un'ipotetica auto elettrica che si può stampare in casa con la stampante 3D e guidare con lo smartphone, ma il cioccolatino-batteria pensato per prendersi gioco degli utenti cinesi: questo particolare oggetto, nato dalla fantasia di qualche mente geniale di OnePlus, prenderebbe il posto del pocket cofee e sarebbe in grado di ricaricare sia chi lo mangia che lo smartphone.

Il pesce d'aprile di Sony

In occasione del venticinquesimo anniversario della PlayStation, Sony ha ben pensato di produrre nuovi bellissimi oggetti da collezione: si tratta di versioni a portachiavi delle storiche console. Certo, sono scomode da utilizzare, ma saranno realizzate in tiratura estremamente limitata.

Il pesce d'aprile di Nokia

Abbiamo visto per la prima volta il Nokia Pure View 9 nel corso del Mobile World Congress. E dopo la presentazione in molti si sono chiesti a cosa servisse un particolare sensore nero posto accanto alle fotocamere. A rispondere è la stessa Nokia, che nel suo scherzo d'aprile ha comunicato tramite Twitter che si tratterebbe di un sensore per i raggi X, con tanto di app rilasciata nel Play Store.

Il pesce d'aprile di Nvidia

Si chiama R.O.N. ed è un assistente digitale oleografico dotato di intelligenza artificiale, in grado di ottimizzare i giochi, tenere aggiornati i driver e aiutare i propri "padroni" a scegliere i titoli più adatti alle proprie esigenze. Ma non finisce qui: R.O.N. vanta funzionalità esclusive come il RageConverter e il TrollDestroyer.

Gli scherzi d'aprile di Roku

I telecomandi per i cani

Secondo un recente studio, il 72% degli utenti vorrebbe avere la possibilità di rendere il proprio dispositivo multimediale accessibile ai propri animali domestici. Proprio per questo, Roku ha reso disponibile il Press Paws Remote, un telecomando per animali dotato di Bark Assistant e Sub-WOOFer.

I calzini telecomando

Ma Roku non pensa solo agli animali, ed ha presentato un prodotto che si rivolge agli utenti più pigri. Si chiamano Happy Streaming Socks, e sono dei calzini smart che sarà possibile utilizzare come telecomando.