Come parte dell'impegno di Facebook a supporto della sua comunità, il social network ha annunciato speciali strumenti in grado di aiutare le persone, durante le elezioni italiane, ad essere facilmente informate su quando e dove votare, su chi sono i partiti coinvolti e le loro rispettive posizioni su temi importanti. Nei prossimi giorni gli italiani iscritti su Facebook potranno vedere “Punti di vista, uno strumento che comparirà nel News Feed e che aiuterà gli elettori a confrontare le pozioni dei principali partiti politici su questioni chiave legate alle elezioni e a vedere una serie di punti di vista diversi.

Le informazioni incluse in Punti di vista sono state fornite dagli stessi partiti politici, che hanno compilato nei giorni passati la sezione Temi presente sulle loro Pagine Facebook. Le categorie di questa sezione sono state definite insieme a CENSIS, il principale centro di ricerche socio-demografiche italiano, e all'International Center on Democracy and Democratization della LUISS.

Come funziona Punti di Vista

Punti di Vista comparirà nel News Feed di tutti gli italiani su Facebook, invitandoli a confrontare le posizioni dei principali partiti politici su diversi temi. L'ordine dei partiti è casuale e i contenuti provengono dai partiti politici stessi. La nuova funzione mostrerà le posizioni dei 10 partiti e movimenti politici che superano l'1 percento delle intenzioni di voto secondo i principali sondaggi politici elettorali. Punti di Vista verrà mostrato, una volta ogni tre giorni, nel News Feed delle persone che utilizzano Facebook in Italia e che hanno impostato i loro dispositivi sulla lingua italiana.

Il pulsante "Ho votato"

Come per le elezioni passate e per l'ultimo referendum italiano, anche in occasione delle elezioni 2018 Facebook ha pubblicato, oltre a molti altri strumenti, il pulsante "Ho votato", disponibile nella giornata di oggi in cima al News Feed. Accedendo al social network, infatti, gli utenti si troveranno davanti un pulsante che gli consente di pubblicare sulla propria bacheca la conferma del proprio impegno durante la giornata elettorale, invitando anche gli altri utenti a fare lo stesso. Dal box è inoltre possibile accedere alla sezione relativa alle elezioni dove si possono trovare tutte le informazioni su come e dove votare.

Interviste in diretta ai candidati

Oltre a Punti di Vista, Facebook ha annunciato anche la realizzazione, in partnership con ANSA, di una serie di interviste, via Facebook Live, con i leader dei principali partiti e movimenti politici. Le interviste in diretta, che si terranno a partire della prossima settimana nella sede di Facebook a Milano e che offriranno alle persone la possibilità di interagire, fare domande e commentare via Facebook, verranno moderate da giornalisti di ANSA e saranno visibili sia sulla pagina Facebook sia sul sito internet dell'agenzia di stampa, dove verrà reso disponibile anche il calendario degli appuntamenti.

Mostrerà quando e dove votare

Nelle prossime settimane, Facebook lancerà anche un'altra funzionalità, “Candidati”, che aiuterà le persone ad entrare in contatto con i candidati e i partiti della loro circoscrizione. Con questo strumento, gli elettori potranno conoscere i candidati e le coalizioni della loro circoscrizione ed avere informazioni dettagliate, ad esempio, sui temi rilevanti per ciascun candidato, sugli eventi previsti in campagna elettorale e istruzioni su come votare con il nuovo sistema elettorale. Inoltre, il giorno delle elezioni, il 4 marzo, le persone vedranno comparire, in cima al loro News Feed, uno strumento che fornirà loro informazioni ufficiali su come e dove votare, oltre a dare la possibilità di far sapere ai propri amici su Facebook di aver votato. E la notte delle elezioni, dopo la chiusura dei seggi, i risultati degli scrutini saranno visibili su Facebook man mano che verranno aggiornati.

Perché Facebook ha lanciato questi strumenti

Ma perché il social network di Mark Zuckerberg ha deciso di lanciare una serie di strumenti a 360 gradi sulle elezioni politiche italiane? Probabilmente per evitare che si ripetano le problematiche scaturite dalle elezioni politiche americane che hanno portato all'elezione di Donald Trump, occasione in cui il social network è stato fortemente criticato per aver consentito la circolazione di fake news e la pubblicazione di annunci pubblicitari schierati da apre di agenti di terze parti. Per questo per le prossime grandi elezioni di ogni paese è probabile che il social si concentri sul proporre strumenti che possano informare in trasparenza gli elettori.