Opinioni
23 Febbraio 2017
18:13

Una startup italiana assume due persone per dormire negli hotel di lusso: ecco come candidarsi

È questa l’offerta di lavoro di Bidtotrip, startup romagnola ma con sede a Londra che propone ai suoi utenti di accedere ad alcune aste che mettono in premio soggiorni in alberghi di lusso a prezzi estremamente vantaggiosi.
A cura di Marco Paretti

Due persone per soggiornare in hotel lussuosissimi e testarne ogni comfort. È questa l'offerta di lavoro di Bidtotrip, startup romagnola ma con sede a Londra che propone ai suoi utenti di accedere ad alcune aste che mettono in premio soggiorni in alberghi di lusso a prezzi estremamente vantaggiosi. Un approccio che ha raccolto l'attenzione di 100.000 utenti e migliaia di strutture alberghiere, riuscendo a raccogliere, nel 2015, 77.000 sterline attraverso una campagna di crowdfunding su Seedrs, una sorta di Kickstarter inglese. Lo scorso anno ha ricevuto finanziamenti pari a 250.000 euro attraverso un round di investimenti che aveva come obiettivo anche quello di aumentare il numero di dipendenti.

Così si arriva all'ultima offerta di lavoro di Bidtotrip: due persone che avranno il compito di provare con mano le strutture alberghiere di lusso già partner della startup nel progetto. "Abbiamo bisogno di figure che viaggino in anonimato per essere sicuri che, con la crescita della richiesta, le strutture ricettive riescano a mantenere tutti i servizi che sono menzionato nei contratti" spiega la CEO Sara Brunelli a Wired. "Dalla reception alla Spa, tutto deve rispecchiare esattamente quello che Bidtotrip propone sulla piattaforma, perché un utente che soggiorna in un hotel non all’altezza delle aspettative è un cliente perso“.

In breve si tratta di una versione di lusso dei mystery shopper, cioè quegli utenti che vengono pagati per andare ad acquistare oggetti o pietanze cn l'obiettivo di testate la preparazione dei dipendenti. Un servizio che serve all'azienda, in questo caso Bidtotrip, per comprendere quali sono le aree critiche della propria offerta. Per candidarsi basta recarsi sulla pagina dedicata all'offerta lavorativa. "Ai mystery guest chiederemo di viaggiare rigorosamente in incognito, osservare, interagire, trovando un problema da proporre alla reception, ad esempio, per verificare come questa reagisce" spiega Brunelli.

I candidati dovranno conoscere molto bene l’inglese ed essere persone molto attente ai dettagli, capaci di criticare ma in modo costruttivo, soprattutto attraverso report e materiale come foto e video. "Le strutture con cui lavoriamo sono molto belle ma hanno spesso della documentazione standard, a volte piatta. Vendiamo un’esperienza e un’esperienza è qualcosa che deve emozionare" conclude la Brunelli. La retribuzione? Il sito non dà dettagli, ma la fondatrice spiega che il lavoro "sarà ben remunerato, ma soprattutto c’è la volontà di investire sulle persone giuste".

Giornalista dal 2002 specializzato in nuove tecnologie, intrattenimento digitale e social media, con esperienze nella cronaca, nella produzione cinematografica e nella conduzione radiofonica. Caposervizio Innovazione di Fanpage.it.
Ecco Ifo, il drone italiano che fa volare le persone a 200 all'ora
Ecco Ifo, il drone italiano che fa volare le persone a 200 all'ora
Da prigione più infestata dai fantasmi ad hotel di lusso: ecco la trasformazione
Da prigione più infestata dai fantasmi ad hotel di lusso: ecco la trasformazione
6.410 di CS Design
All'interno dell'hotel di lusso più discreto del mondo
All'interno dell'hotel di lusso più discreto del mondo
1.876 di CS Design
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni