Per gli addetti ai lavori, quando si parla di telecamere termiche, generalmente si parla di dispositivi stand-alone piuttosto costosi e rivolti esclusivamente (e giustamente) ad un pubblico molto ristretto, fatto di addetti ai lavori e tecnici specializzati. Poi però, a un certo punto arriva Flir, un'azienda che da anni produce termocamere e che da qualche tempo ha pensato e realizzato un concetto molto semplice: produrre una telecamera termica che sia in grado di funzionare con iPhone e Android e che ne sfrutti non solo la potenza di calcolo, ma anche tutte le funzionalità avanzate e interattive.

E la Flir One Pro è proprio questo. Si tratta di un piccolo gadget che si collega allo smartphone, con il quale sarà possibile inquadrare l'ambiente circostante e valutare la temperatura delle superfici o di specifiche zone, in modo da rilevare eventuali dispersioni di calore, o addirittura le tubature.

La Flir One Pro integra un connettore lightning o USB-C, in due versioni separate, che vanta una piccola rotella grazie alla quale sarà possibile allungare o accorciare il connettore in modo da permetterne l'utilizzo anche con una cover molto spessa. Sul lato lungo esterno è presente un connettore USB-C con il quale sarà possibile caricare la batteria interna: per funzionare, alla Flir ONE Pro non basta l'alimentazione dello smartphone, ma utilizza una batteria interna che garantisce circa un'ora di utilizzo continuo.

Il tutto, ovviamente, viene gestito da un'applicazione disponibile per iOS e per Android che, seppure sia caratterizzata da un'interfaccia grafica piuttosto "vecchia" e macchinosa, riesce a gestire senza alcun intoppo tutte le funzionalità della fotocamera termica.

Fin dalla prima connessione è possibile visualizzare le immagini inquadrate dalla telecamera termica, che sarà possibile utilizzare anche come "termometro" e sarà in grado di rilevare i punti più caldi e i punti più freddi e rappresentarli con colori diversi. Il tutto sarà visualizzato su un'immagine dalla risoluzione di 160 x 120, nella quale verrà creato un mix delle immagini provenienti dal sensore termico e da quello tradizionale.

Ed è proprio grazie alla presenza di un sensore fotografico di tipo tradizionale, che tramite l'applicazione di Flir sarà possibile effettuare uno swipe verticale per visualizzare le diverse tipologie di immagini: una funzione bella da vedere e molto comoda, soprattutto per avere un quadro più chiaro delle zone termiche rilevate.

I colori visualizzati tramite il sensore termico si adatteranno automaticamente adattandosi alla zona più fredda nell'inquadratura, e saranno in grado di rappresentare temperature che variano dai -20° ai +400°. Il tutto è altamente personalizzabile tramite l'applicazione, con la quale sarà possibile impostare il range massimo di rilevazione, che sarà possibile bloccare in base a quello inquadrato e cambiare tutte le palette dei colori.

Le immagini prodotti dalla Flir ONE Pro sono sostanzialmente nitide. Qualora si dovesse visualizzare esclusivamente quella realizzata dal sensore termico, la risoluzione tenderà a diminuire, ma utilizzando l'immagine mixata la qualità aumenterà e sarà possibile aggiungere diverse informazioni nello scatto, come le diverse temperature delle zone inquadrate. Una volta realizzata la misurazione sarà possibile salvare la fotografia nel rullino fotografico, o addirittura registrare un video in FullHD o un timelapse.

A che serve una fotocamera termica sullo smartphone?

La domanda sorge spontanea, lo so. Ed effettivamente la Flir ONE Pro è un dispositivo che si rivolge soprattutto a un pubblico di professionisti nel settore dell'edilizia: architetti, ingegneri, termo-idraulici, sono tra le figure professionali che più potrebbero trarre vantaggio dall'utilizzo di un dispositivo del genere, senza considerare che avere la possibilità di poter salvare e inviare immediatamente tutte le rilevazioni, tramite email o anche tramite WhatsApp, è sicuramente impagabile.

Ma, in un certo senso, la Flir ONE Pro non è solo un dispositivo per professionisti. Anche un utente "normale" potrebbe trarre vantaggio da una termocamera del genere, con la quale sarebbe possibile per esempio rilevare le zone di dispersione termica della propria abitazione, per correre ai ripari, trovare le posizioni delle tubazioni prima di eseguire un foro con il trapano, oppure rilevare la presenza di animali anche in ambienti totalmente bui. Insomma, per una persona "normale" si tratta chiaramente di un accessorio del quale si potrebbe fare a meno, ma ha comunque la sua utilità nonostante non si sia un tecnico specializzato del settore.

Prezzo di vendita in Italia Flir ONE Pro

Flir ONE Pro è venduto in italia ad un prezzo ufficiale di 486 euro. Certo, il prezzo è molto alto, ma se si considerano i prezzi medi delle fotocamere termiche stand-alone, ci si rende conto che in fin dei conti non è assolutamente eccessivo, anzi in molti casi è anche più contenuto.

È chiaro che non è un dispositivo rivolto a tutti, ma qualora siate degli professionisti del settore con la necessita di acquistare una fotocamera termica, allora dovreste assolutamente prendere in considerazione la fotocamera termica di Flir perché, oltre alla precisione e alle tante funzioni disponibili, poter avere immediatamente le immagini, i video e addirittura i timelapse delle proprie misurazioni potrebbe essere impagabile.