L'anno scorso, di questi tempi, tutte le aziende produttrici di smartphone erano focalizzate su una particolare caratteristica tecnica: il notch. Ma siamo ormai nel 2019 e, si sa, in questo ambiente le cose cambiano velocemente.

E proprio per questo, non c'è per niente da sorprendersi se ormai il notch sia già obsoleto perché aziende come Xiaomi, con il suo Mi Mix 3, e Oppo, con il Find X, da tempo hanno abbandonato la tacca a favore di fotocamere a comparsa. E per chiunque non voglia soluzioni meccaniche del genere c'è un alternativa: il foro nel display. Una soluzione che vedremo diffondersi tantissimo quest'anno e che caratterizza il nuovo Honor View 20, uno smartphone con un hardware (e un prezzo) da top di gamma.

Design Honor View 20

Realizzato con una cornice in metallo opaco, l'Honor View 20 ha una back cover in vetro con un effetto a "V" che può piacere o non piacere. Nella colorazione blu è parso forse troppo appariscente, ma mai come in questo caso si tratta di una scelta di stile che "o la odi, o la ami".

Design, materiali e processo costruttivo trasmettono comunque un'ottima qualità, e nonostante le dimensioni piuttosto importanti, il View 20 di Honor è utilizzabile comodamente anche con una mano, in quanto non è per niente scivoloso (il che lo rende molto soggetto alle impronte digitali).

Sul retro è posizionata la fotocamera sporgente e il sensore per le impronte digitali, e (purtroppo) non è certificato per la resistenza ad acqua e polvere.

Display Honor View 20

Il display è senza ombra di dubbio il fiore all'occhiello dell'Honor View 20, e non per una particolare tecnologia utilizzata nel pannello, ma perché è chiaramente forato, ed integra la fotocamera frontale. Il pannello di per se è un buon IPS da 6.4 pollici con una risoluzione FullHD+, con colori buoni e luminosità sufficiente ma che, in quanto IPS, soffre un pochino per quanto riguarda la profondità dei neri.

Chiaramente l'effetto scenico è garantito, e dopo essersi abituati alla presenza del piccolo foro posizionato in alto a sinistra, si inizia immediatamente ad apprezzare di più questa soluzione, rispetto al classico notch: anche con contenuti full screen, come video su YouTube, Netflix o giochi, ci si dimentica quasi subito della presenza del foro, e l'effetto borderless prende il sopravvento.

Hardware Honor View 20

Novità importanti anche per quanto riguarda l'hardware. A differenza degli anni passati, quest'anno in Italia Honor ha deciso di commercializzare la versione più potente del suo smartphone: personalmente non sono sicuro che sia la scelta giusta in termini di prezzo, ma senza dubbio lo è per far posizionare il nuovo smartphone dell'azienda nella fascia dei top di gamma del 2019.

Il processore che anima l'Honor View 20 è un Kirin 980 Octa Core, affiancato da ben 8 GB di memoria RAM, una GPU Mali G76 MP10 con supporto GPU TURBO, e 256 GB di memoria interna.

Chiaramente si tratta di un comparto hardware da puro primo della classe, che proprio come abbiamo visto nel Mate 20 Pro di Huawei, garantisce prestazioni di altissimo livello e l'esecuzione di tutte le operazioni (anche quelle più complesse) senza alcun rallentamento.

Chiaramente non mancano l'NFC e il GPS assistito, ed è presente anche il connettore per le cuffie con il cavo. La capsula auricolare invece è stata posizionata sul bordo alto dello smartphone: è una soluzione piuttosto comune nei borderless, che richiede un po' di pratica prima di abituarcisi.

Ottima l'uscita USB-C 3.1, che gli permette di trasformarsi e diventare una sorta di computer desktop se collegato ad un monitor o una TV, fantastica la batteria da 4000 mAh, che lo rende uno degli smartphone con la migliore autonomia disponibile. Nei nostri test siamo riusciti ad arrivare a ben due giorni di autonomia con un utilizzo medio. Peccato però che non è presente la ricarica wireless.

Fotocamera Honor View 20

La fotocamera dell'Honor View 20 ha un sensore principale da ben 48 megapixel f/1.8, affiancato da un secondo sensore TOF utilizzato esclusivamente per il calcolo della profondità. Gli scatti possono essere memorizzati a 48 megapixel pieni, anche utilizzando una particolare modalità chiamata "Ultra chiarezza", oppure a 12 megapixel. È anche presente una modalità notte simile (ma non uguale) a quella vista sugli smartphone di Huawei, che permette di scattare fotografie in condizioni di bassa luminosità a mano libera.

Tutto sommato si tratta di un comparto fotografico più che soddisfacente, in grado di garantire scatti molto nitidi e dettagliati in tutte le condizioni di luminosità. Appare chiaro però, che le differenze con i fratelli maggiori prodotti da Huawei sono ancora palesi (a favore di questi ultimi), anche quando si utilizza l'ottimo HDR e l'intelligenza artificiale.

Ottimi i video, registrati con una risoluzione massima di 4K che godono di un'ottima stabilizzazione anche alla massima risoluzione, nella media la fotocamera frontale da 25 megapixel, che è in grado di scattare selfie di una qualità decente ma niente di più.

Software Honor View 20

L'Honor View 2o è il primo smartphone dell'azienda ad utilizzare Android Pie 9, personalizzato con la nuova MagicUI. E, permettetemi di dirlo, non c'è nulla di diverso dalla GUI già vista e rivista negli smartphone Huawei, se non il nome e quale piccola modifica relativa alla gestione del foro sul display.

Sono sempre presenti le ottime gesture di navigazione, è possibile utilizzare la sezione "Gestione digitale" tipica di Android Pie, ma la grafica dell'interfaccia rimane sempre un passo indietro alla concorrenza, e potrebbe sembrare piuttosto obsoleta.

Tutto sommato però si tratta di un ottima GUI, almeno in termini di velocità e fluidità delle animazioni: anche grazie al potentissimo hardware, l'utilizzo dell'Honor View 20 sarà sempre fulmineo e non verrà mai rovinato da micro-la di sorta.

Prezzo di vendita in Italia Honor View 20

E veniamo alla nota dolente: il prezzo. Il prezzo di vendita ufficiale dell'Honor View 20 in Italia è di 699 euro, ma su Amazon è già disponibile da 549,00€ mentre su Euronics e su Unieuro è in vendita da 699,00€. Un prezzo piuttosto alto, che di certo non è giustificato solo dalla presenza del foro sul display, ma soprattutto dall'hardware che lo anima, e che abbandona leggermente la filosofia dell'azienda, che fino al 2018 si contraddistingueva dall'ottimo rapporto qualità/prezzo dei suoi dispositivi.

L'Honor View 20 non è di certo uno smartphone per tutte le tasche, men che meno per i più giovani, ma senza ombra di dubbio anticipa moltissime delle features che vedremo negli smartphone del 2019.