Opinioni
26 Agosto 2014
12:57

Robo Brain, il cervello elettronico che studia gli umani e insegna ai robot

Nato dalla collaborazione tra le più importanti Università statunitensi, il cervello elettronico è in grado di analizzare i dati del web, comprendere il mondo degli esseri umani e insegnarlo ai robot del futuro. Ma la domanda sorge spontanea: saremo dei bravi maestri?
A cura di Dario Caliendo

Si chiama Robo Brain, ma è già stato soprannominato da tutti come "il Google dei robot". Si tratta di un vero e proprio raccoglitore di informazioni, in grado di scaricare e analizzare dal web una enorme quantità di informazioni e dati e tradurli in un linguaggio accessibile ai robot, in modo da rendergli possibile l'autoapprendimento e imparare a conoscere il mondo degli esseri umani.

"I nostri computer e i telefonini hanno accesso a tutte le informazioni che vogliamo." – osserva Ashutosh Saxena, il coordinatore del progetto – "Allo stesso modo, se in futuro un robot si imbatterà in una situazione che non conosce potrà chiedere aiuto a Robo Brain".

Nato da una collaborazione tra le Università di Stanford, Berkeley, Brown e Cornell – che ne è la coordinatrice – la grande mente elettronica nasce con uno scopo tanto importante quanto complesso, e ad oggi ha già analizzato un miliardo di immagini, 120.000 video di YouTube e 100 milioni di manuali, con i quali sta creando nel tempo un enorme database di dati, che si trasformeranno in un vastissimo contenuto di conoscenze alle quali potranno attingere i robot del futuro, per convivere con gli esseri umani nella maniera più naturale possibile, sia nelle case che negli uffici e nelle fabbriche.

A partire dalle cose più semplici, fino alla comprensione delle buone maniere, i robot del futuro diventeranno parte integrante della vita di tutti i giorni e riusciranno ad esempio a distinguere gli oggetti e gli utilizzi che ne derivano: se un robot vede una tazza, accedendo ai dati di Robo Brain riuscirà a capire che si tratta di un contenitore nel quale va versato un liquido, che può essere afferrato e trasportato con l'apertura verso l'alto, in modo da non farne cadere il contenuto.

Il tutto grazie a una struttura a grappolo basata sul modello di Markov, con la quale sarà possibile collegare in una rete logica tutta una serie di informazioni collegate tra loro. Insomma, è solo l'inizio ma Skynet è sempre più vicina.

Questo robot può vaccinarti senza aghi né supervisori umani
Questo robot può vaccinarti senza aghi né supervisori umani
Pepper, il primo robot a riconoscere le emozioni sarà in vendita entro il 2015 [VIDEO]
Pepper, il primo robot a riconoscere le emozioni sarà in vendita entro il 2015 [VIDEO]
Pepper, il robot che riconosce le emozioni
Pepper, il robot che riconosce le emozioni
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni