Opinioni
8 Agosto 2014
15:25

Samsung e IBM assieme per la produzione del chip in grado di imitare il cervello umano

I due colossi della tecnologia rivoluzionano il mondo dell’High Performance Computing svelando un nuovo processore neurosinaptico in grado di imitare le attività del cervello umano e prendere decisioni contestualizzate del tutto autonomamente e in tempo reale.
A cura di Dario Caliendo

Un milione di neuroni elettronici e duecentocinquantasei milioni di sinapsi artificiali. Sono queste le caratteristiche tecniche del primo chip neurosinaptico che, secondo quanto hanno dichiarato IBM e Samsung (le aziende che hanno lavorato al progetto fantascientifico) è capace di imitare le attività del cervello umano e che potrebbe rivoluzionare il mondo dei computer e dell'intelligenza artificiale.

Nonostante l'importante risultato si a stato raggiunto da una collaborazione speciale trai due colossi della tecnologia (ricerca di IBM e tecnologie di Samsung), il realtà lo studio è stato finanziato dalla Defense Advanced Research Projects Agency, un'agenzia governativa del Dipartimento della difesa degli Stati Uniti d'America, il cui scopo era proprio quello di riuscire a imitare il funzionamento del cervello umano, e sfruttare la tecnologia per lo sviluppo di potenti armi digitali per la difesa del territorio Americano: per farlo, gli scienziati hanno creato in sistema gestito da una serie di software denominati Network Neurali in grado di sfruttare le potenzialità dei Nuclei Neurosinaptici di cui è composto il chip, il cui nome è TrueNorth e le cui dimensioni non superano quelle di un francobollo.

Come spiega in un’intervista Dharmendra Modha, Principal Investigator e Senior Manager di IBM, le potenzialità del chip rivoluzioneranno l’High Performance Computing, ma in un senso molto più più qualitativo che quantitativo e di pura potenza di calcolo: a differenza di risolvere i problemi con degli sterili calcoli matematici come fanno gli attuali processori utilizzati nell'High Performance Computing, il nuovo chip di IBM è stato progettato in modo da essere in grado di comprendere l'ambiente in cui si trova, per gestirne le ambiguità è per prendere decisioni contestualizzate. Tutto in tempo reale, proprio come farebbe un essere umano.

IBM è pronta a rendere disponibile il nuovo chip e il relativo linguaggio di programmazione a basso livello inizialmente solo al mondo Universitario e in seguito a quello aziendale. Ma come ha spiegato il Senior Manager dell'azienda statunitense, TrueNorth potrebbe presto diventare il cuore pulsante – anzi – il cervello non solo dei più moderni sistemi governativi per la sicurezza nazionale e la valutazione delle minacce, ma anche per i sistemi integrati per la gestione dei magazzini di colossi come Amazon e addirittura il processore principale nei futuri smartphone, tablet e dispositivi indossabili, che ne trarrebbero enormi benefici grazie all'incredibile potenza di calcolo e al ridottissimo consumo energetico, che non dovrebbe superare i 70 milliwatt.

Apple abbandona Samsung come produttore di CPU e crolla il fatturato della divisione chip mobile
Apple abbandona Samsung come produttore di CPU e crolla il fatturato della divisione chip mobile
Samsung, l'azienda investe 15 miliardi di dollari nella costruzione di uno stabilimento di chip
Samsung, l'azienda investe 15 miliardi di dollari nella costruzione di uno stabilimento di chip
Samsung: -60% nell'ultimo trimestre, calano le vendite dei Galaxy
Samsung: -60% nell'ultimo trimestre, calano le vendite dei Galaxy
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni