Avete mai fatto caso a quei messaggi che giungono innocui sui vostri dispostivi, smartphone o pc, e che contengono collegamenti ipertestuali che invitano gli utenti a cliccarli? Ebbene, bisogna fare molta attenzione perché si tratta dell'ennesima truffa online in grado di sottrarre dati personali. È questo l'allarme diffuso da "Lo Sportello dei diritti", rilanciando l'invito della Polizia Postale a diffidare dalle frasi di colore azzurro che compaiono nei testi di alcuni messaggi e che identificano, per l'appunto, dei collegamenti ipertestuali. Potreste essere indirizzati su pagine clone che vi chiedono credenziali, rubando di conseguenza dati sensibili.

In genere si tratta di frasi che invitano gli utenti a cliccarle per verificare qualsiasi cosa che possa destare la curiosità, come la tracciabilità di una spedizione, o la promessa di un allettante premio. In realtà, non sono altro che trappole che riescono a mettere nei guai centinaia di migliaia di utenti, approfittando spesso della loro disattenzione. In questo caso, come sottolineano gli agenti impegnati nella lotta contro hacker e truffatori telematici, "la strada migliore da percorrere rimane quella di accedere ad aree riservate (o non) attraverso la digitazione nella barra degli indirizzi del sito che a noi interessa". In poco parole, bisogna solo prestare più attenzione ed evitare di dar seguito a questo tipo di richieste, previa cancellazione immediata del messaggio dal nostro dispositivo. Per ulteriori informazioni, si può scrivere agli indirizzi e-mail info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org dell'associazione "Lo Sportello dei diritti", per valutare immediatamente tutte le eventuali soluzioni del caso.