Quella di Le Thi Xoan è una tragedia che dovrebbero tenere sempre a mente tutte le persone che riparano i cavi di ricarica dei propri smartphone utilizzando il nastro adesivo. Perché la tragedia che ha tolto la vita alla giovane vietnamite è stata causata da una folgorazione dovuta proprio al caricabatterie del suo iPhone, il cui cavo – già danneggiato – è stato riparato con del semplice nastro isolante e utilizzato nel corso di una ricarica notturna.

A trovare il corpo dell'adolescente, ormai senza vita, sono stati i genitori della vittima che il mattino seguente hanno immediatamente chiamato i soccorsi e portato la ragazza all'ospedale più vicino. Ma era troppo tardi. I medici che hanno visitato la ragazza quattordicenne hanno confermato che la morte della teenager sarebbe avvenuta per "elettrocuzione", ossia una forte scarica elettrica causata da un impianto già in tensione, e tutto lascia pensare che la causa sia dovuta al cavo di ricarica del suo smartphone trovato sul letto.

Non si hanno ancora notizie ufficiali circa l'evento scatenante e le indagini per determinare quali siano state le circostante esatte della tragedia sono ancora in corso, ma una cosa è certa: il cavo collegato al caricabatterie dello smartphone trovato dalla polizia di Hannoi, il piccolo centro abitato dove viveva Le Thi Xoan, era danneggiato in una zona in cui la guaina in plastica avrebbe dovuto isolare i cavi in tensione ed era appoggiato sul letto. Secondo gli esperti a provocare la folgorazione sarebbe bastata una semplice lacrima versata da Le durante il sonno e poi entrata in contatto con la zona in cui i cavi in tensione erano scoperti.

Il cavo di ricarica è stato analizzato dagli inquirenti, che non sono ancora riusciti a identificarne la provenienza e a stabilire con certezza se si tratti di un cavo originale del dispositivo di Apple, oppure se si tratti di un accessorio compatibile acquistato in un secondo momento e poi riparato "alla meno peggio" con del nastro adesivo, cosa molto probabile data la lunghezza nettamente inferiore rispetto al cavo in dotazione con i dispositivi di Cupertino, lungo precisamente 50 cm.