Il 15 maggio WhatsApp aggiornerà i termini di utilizzo del suo servizio, con alcuni cambiamenti relativi alla privacy degli utenti che usano quotidianamente l'app. Ormai del cambiamento si parla da mesi per diversi motivi, tra i quali il fatto che accettare le nuove regole sia obbligatorio e che il gruppo Facebook abbia deciso di comunicarlo in anticipo per evitare un effetto sorpresa che si sarebbe potuto rivelare controproducente. Adesso che la fatidica data è alle porte, l'app ha iniziato a inviare una nuova, ennesima ondata di avvisi rivolta agli utenti che in queste settimane ancora non hanno accettato in anticipo i cambiamenti previsti: il messaggio, come di consueto, appare in cima alle conversazioni presenti nella schermata principale dell'app e porta.

Chi riceverà la notifica

In realtà è da mesi che WhatsApp invia periodicamente queste notifiche a chi non ha ancora accettato i nuovi termini di utilizzo del servizio, ma l'ultima segnalazione è arrivata da WABetaInfo, è di questi giorni e potrebbe preannunciare una campagna di notifiche più aggressiva e a tappeto del normale. Il contenuto, in ogni caso, è sempre lo stesso: toccando sulla notifica appaiono due schermate che spiegano a grandi linee quel che Facebook intende fare di diverso con i dati degli utenti rispetto a quanto non stia già facendo. La risposta è non molto, anche se le modifiche potrebbero indispettire una fetta di iscritti.

Cosa cambia con le nuove regole

In sostanza, contattare un'azienda su WhatsApp darà modo a quest'ultima di tenere conto dell'interazione avvenuta per inviare al mittente eventuali annunci pubblicitari anche su Facebook. Se un utente contatta un account aziendale su WhatsApp per avere supporto su un servizio, oppure per ordinare un prodotto, potrebbe insomma trovarsi su Facebook delle inserzioni che riguardano proprio altri prodotti o servizi di quel marchio. Tutto avviene senza che l'informazione sul contatto né tantomeno le conversazioni possano essere letti o riesaminati da Facebook né da soggetti esterni, ma l'idea di essere seguiti da un'azienda passando da un'app all'altra può comunque recare disturbo – e soprattutto rappresenta un cambiamento nei termini di utilizzo del social al quale occorre acconsentire esplicitamente.

Anche dopo aver accettato le nuove regole si può rimanere al riparo da questo passaggio di informazioni semplicemente non avviando conversazioni con le aziende su WhatsApp, ma il gruppo Facebook sta scommettendo molto su questo canale di comunicazione. Nell'immaginazione della multinazionale di Mark Zuckerberg, la piattaforma di messaggistica diventerà presto una destinazione per l'ecommerce e l'invio di denaro: anche per questo gli sviluppatori desiderano far accettare agli utenti le nuove regole al punto di subissarli di notifiche e rischiare che molti decidano di smettere di utilizzare l'app come è successo negli ultimi mesi.