Di ricarica ad indizione se n'è già parlato tanto. LG, Nokia e la stessa Google con i suoi Nexus hanno da tempo introdotto ed utilizzato questa tecnologia nei propri dispositivi, permettendone così la ricarica che però è sempre avvenuta tramite un contatto fisico con la base.

Direttamente dal CES 2014 di Las Vegas però, arriva un prodotto che sicuramente farà molto discutere di se e che rappresenta una vera e propria evoluzione del sistema tradizionale di ricarica ad induzione: prodotto da WiTricity, questo nuovo sistema di ricarica continua ad utilizzare il tradizionale metodo composto da una cover esterna nella quale va inserito il dispositivo da alimentare, ma non richiede necessariamente il contatto fisico con la base di ricarica.

E' una novità importantissima, che renderà possibile ad esempio la ricarica di un iPhone direttamente dalla superficie di legno di un tavolo, non necessariamente a contatto ma anche se lo smartphone si trova nelle vicinanze.

"Siamo esaltati all’idea di introdurre il primo caricatore wireless che funziona a distanza." – spiega Eric Giler, CEO dell'azienda – "Abbiamo visto come la nostra tecnologia di risonanza wireless abbia avuto effetti nel mondo automobilistico, medico e militare, ed ora abbiamo in programma di cambiare il settore dell’elettronica di consumo."

La tecnologia di WiTricity è molto simile a quella brevettata da Apple qualche tempo fa: una tecnologia che immaginava un ecosistema di prodotti desktop (come un iMac, ad esempio) trasformati in veri e propri caricabatterie a risonanza wireless, in modo da poter ricaricare i dispositivi mobili semplicemente portandoli in prossimità della propria scrivania.