Sono passati diversi giorni ormai da quando Samsung ha annunciato che avrebbe rinviato la data di uscita del suo attesissimo smartphone con schermo pieghevole, Samsung Galaxy Fold. Il gadget è stato criticato dopo essere finito nelle mani delle prime testate incaricate di recensirlo in anteprima, tanto che il produttore ha saggiamente deciso di prendersi un periodo di tempo non meglio specificato per migliorarne gli aspetti messi alla berlina: un display troppo fragile e una cerniera non abbastanza protetta dall'ingresso di particelle dall'esterno. Ancora oggi però il dispositivo sembra non avere una data di uscita ufficiale: in questi giorni infatti Samsung sta chiedendo ai clienti statunitensi che hanno effettuato il preordine di affrettarsi a confermarlo per non essere eliminati dalla lista di attesa.

La notizia arriva da Reuters, che ha raccolto le segnalazioni di alcuni utenti che hanno regolarmente prenotato il dispositivo, nella quale si legge "se non riceveremo conferma e non saremo riusciti a procedere con l'invio del dispositivo entro il 31 maggio, il tuo ordine sarà automaticamente cancellato". La missiva — ha spiegato Samsung sempre a Reuters — è stata inviata in ottemperanza alla normativa statunitense che richiede di procedere in questo modo in caso di ritardi sulla consegna di prodotti già prenotati, ma al di là del disagio arrecato ai clienti quel che emerge dalla comunicazione è che ad oggi la società non sa ancora se sarà in grado di terminare entro la fine del mese le modifiche che si era prefissata di apportare ai dispositivi.

Gli osservatori in Rete sono divisi. Da una parte c'è chi ipotizza che l'email significhi proprio che Samsung sia sul punto di effettuare le consegne, e che voglia semplicemente tenersi in regola con i clienti che riusciranno ad avere il dispositivo soltanto nei primi giorni di giugno; dall'altra c'è chi legge nella comunicazione la possibilità che Galaxy Fold possa arrivare nella seconda metà dell'anno, magari addirittura dopo l'avversario Mate X sviluppato dalla cinese Huawei. Per conoscere il destino dell'inafferrabile gadget occorrerà però attendere la prossima puntata, quando Samsung — si spera — diffonderà pubblicamente notizie più precise sul suo arrivo sul mercato.