Manca ancora qualche giorno al 26 aprile, la data di vendita ufficiale del Samsung Galaxy Fold negli Stati Uniti, ma nonostante non sia ancora sugli scaffali dei negozi, iniziano i primi problemi per il display dello smartphone pieghevole dell'azienda sudcoreana, svelato lo scorso 20 febbraio nell'evento di presentazione dei Samsung Galaxy S10.

A quanto pare, il Samsung Galaxy Fold è un dispositivo davvero fragile, almeno stando alle testimonianze di alcuni redattori delle testate giornalistiche statunitensi più importanti che, dopo aver ricevuto un sample per la recensione, hanno riscontrato guasti al display, dovuti a cause differenti.

Samsung Galaxy Fold, display rotto: cosa è successo

Il display del Galaxy Fold di Dieter Bohn di The Verge si è rotto a causa di un piccolo detrito finito sotto la piegatura dello schermo, che nel momento dell'apertura del dispositivo ha finito per spaccarsi nonostante il giornalista abbia messo bene in chiaro di non aver stressato il meccanismo di chiusura, ma di aver utilizzato il Fold come un semplice telefono, limitandosi ad aprirlo, chiuderlo e metterlo in tasca.

Mark Gurman di Bloomberg, invece, si è ritrovato con una parte dello schermo pieghevole totalmente nera dopo solo due giorni di utilizzo. Un problema probabilmente dovuto alla rimozione di una particolare pellicola protettiva che nessuno gli aveva detto di non rimuovere.

Lo stesso è accaduto allo YouTuber Marques Brownlee che, non sapendo di non doverlo fare, ha rimosso la pellicola e si è ritrovato con l'apparecchio inutilizzabile.

Ma, anche se la stragrande maggioranza dei problemi sono a quanto pare dovuti alla rimozione errata della pellicola, pratica che tutti i futuri possessori del Galaxy Fold devono assolutamente evitare, non tutti i giornalisti hanno denunciato problemi dovuti a questo fattore: Steve Kovach di CNBC ha pubblicato un video su Twitter dove mostra lo sfarfallio della metà de, display del suo Samsung Galaxy Fold dopo un giorno d'utilizzo e senza aver rimosso il film protettivo.

Samsung Galaxy Fold sold-out in 24 ore

E a quanto pare, il costo di 2000 dollari non ha spaventato gli utenti statunitensi che in meno di 24 ore hanno preordinato tutti i Galaxy Fold disponibili nello store dell'azienda. Dopo aver aperto i preordini dello smartphone pieghevole negli Stati Uniti, il 12 aprile, Samsung è stata costretta a chiuderli in meno di 24 ore dopo aver terminato tutte le unità che aveva riservato all'acquisto su prenotazione.

In mezza giornata le prenotazioni del dispositivo hanno superato un totale di oltre quattordicimila unità. E nonostante sia un numero che non corrisponde agli acquisti effettivi, ma a posti riservati nella coda di prenotazioni gestita dal sistema, si tratta comunque di un dato molto importante, soprattutto considerando il prezzo del dispositivo. D'altro canto la casa coreana aveva già anticipato che Samsung Galaxy Fold sarebbe stato prodotto in quantità limitata, e non ha mai specificato quante unità sarebbero state destinate ai preordini statunitensi.

Ma, tornando al problema dei display rotti del Galaxy Fold, seppur i casi di guasto siano pochi, hanno un'importanza molto rilevante, la domanda è chiara: se lo smartphone pieghevole si è rotto così facilmente nelle sagge mani di professionisti che lavorano per testate tecnologiche così importanti, quanto potrà durare con degli utenti "normali" che generalmente sono meno attenti a tutti i dettagli del caso?