16 Marzo 2020
13:27

Coronavirus, 10 videogiochi da giocare a casa durante la quarantena

Ecco una lista di 10 videogiochi da scoprire (o riscoprire) lungo queste settimane primaverili di quarantena. Ci sono titoli di prossima uscita, successi del passato recente e piccole produzioni acclamate da pubblico e critica. Un viaggio tra l’offerta videoludica attuale per godere appieno del tempo libero.
A cura di Lorena Rao

Checché se ne dica, stare a casa ha suoi lati positivi. La tipica frenesia della quotidianità si è arrestata, accrescendo il tempo libero a nostra disposizione. La casa diventa quindi un rifugio sicuro da dedicare alla famiglia e alle proprie passioni. In questo discorso si inseriscono anche i videogiochi, che nei giorni di quarantena si possono rivelare un ottimo modo per trascorrere le ore, tra divertimenti in compagnia, adrenalina ma anche commozione e creatività. Per questa ragione vi proponiamo 10 videogiochi da scoprire (o riscoprire) lungo queste settimane primaverili, tra nuove uscite, successi recenti e piccole produzioni tra le più eccentriche e originali.

Call of Duty: Warzone – PS4, Xbox One, PC

Dopo diversi mesi di rumor, Warzone ha finalmente fatto la sua comparsa. Si tratta di un titolo singolo della serie Call of Duty in salsa battle royale. È disponibile gratuitamente negli store digitali delle varie piattaforme. Il gioco porta la guerra all'interno di una vasta mappa in cui lottare con i propri compagni contro altri giocatori, per un totale di 150. Solo la squadra migliore sopravviverà. L'aspetto interessante di Warzone è che accanto allo struttura tipica del battle royale a là Fortnite, contiene al suo interno altre modalità, come Malloppo, che variano il senso di sfida e l'approccio di gioco. Un titolo rivolto all'adrenalina, ma anche alla strategia cooperativa.

Animal Crossing: New Horizon – Nintendo Switch

Il nuovo capitolo della popolare serie in esclusiva Nintendo è in arrivo il prossimo 20 marzo. Animal Crossing: New Horizon catapulta i giocatori dentro un mondo pacifico, abitato da adorabili animali antropomorfi. Scopo del gioco è quello di creare la propria isola in cui far vivere una piccola comunità di animaletti. Si tratta infatti di un simulatore paragonabile a The Sims, in cui condurre una vita virtuale condita di dolcezza, colori e serenità. In questa nuova edizione della popolare serie i giocatori potranno persino modificare l'isola a proprio piacimento, elemento che sta spingendo gli appassionati a realizzare delle isole personalizzate ispirate alle proprie passioni o a tematiche particolari. Il titolo perfetto per fuggire (virtualmente) dalla quarantena.

Dreams – PS4

Che il videogioco sia uno strumento attraverso cui esprimere la propria creatività, lo aveva già dimostrato Minecraft. Tuttavia Dreams, ultima esclusiva PlayStation 4, ne espande il concetto. Il fulcro del titolo è infatti quello di creare esperienze videoludiche, da condividere poi con il resto della community. Ne viene fuori una possibilità infinita di creazioni, tra riproposizioni di vecchi titoli del passato e nuovi concetti sperimentali del videogioco, da testare e godere in prima persona. Qualsiasi genere videoludico – horror, platform, action, avventura grafica, ecc – può trovare la propria realizzazione in Dreams, in relazione soprattutto alla sensibilità del giocatore/creator.

Dragon Ball Z: Kakarot – PS4, Xbox One, PC

La nostalgia è sempre un ottimo rimedio quando il morale è a terra. Per tutti coloro cresciuti a pane e kamehameha (o onda energetica), l'ultimo esperimento videoludico dell'universo Dragon Ball può rivelarsi una scelta perfetta. Un po' picchiaduro, un po' GdR, Kakarot ripercorre la storia di Goku vista nell'anime di Dragon Ball Z, riportando i giocatori a rivivere i tratti salienti con nemici oramai divenuti storici. Non solo botte però, Dragon Ball Z: Kakarot offre una serie di alternative tra pesca, caccia, dialoghi e missioni secondarie. Un vero tuffo nel passato, per rifugiarsi nei ricordi d'infanzia.

Doom Eternal – Nintendo Switch, PS4, Xbox One, PC, Google Stadia

Il prossimo 20 marzo resta una data da ricordare per i videogiocatori, perché uscirà Doom Eternal, il nuovo capitolo dell'FPS (sparattutto in prima persona) più importante della storia del videogioco. Demoni, sangue, metal: un tripudio di violenza adrenalinica mentre si discende all'inferno nei panni del Doom Slayer. Rispetto al precedente capitolo del 2016, Doom Eternal espande l'esplorazione, tramite un design e delle meccaniche di gioco che rendono la discesa tra le fiamme demoniache ancora più orgasmica, esaltante, dirompente.

Red Dead Redemption 2 – PS4, Xbox One e PC

Se il tempo dilatato tipico della quarantena può sembrare strano, Red Dead Redemption 2 può rivelarsi il modo giusto per capire come si viveva quando il progresso era agli albori. Ambientato durante il crepuscolo della frontiera americana, l'epopea western digitale targata Rockstar è un inno contro la frenesia, la crescita sfrenata, le disuguaglianze. Il titolo dà uno spaccato della società americana pronta ad accogliere il Novecento, il secolo della modernità. Accanto ai treni, alle industrie e alle metropoli nascenti vi sono i fuorilegge, come il protagonista Arthur Morgan, che ancora viaggiano a cavallo, si organizzano in base ai ritmi della natura, e uccidono o accolgono in base al guadagno, non alla razza. Red Dead Redemption 2 è un'opera mastodontica, che merita di essere giocata, soprattutto oggi in cui si assiste alla riscoperta del tempo e delle piccole cose. Inoltre, Red Dead Redemption 2 ha anche una massiccia componente online, per giocare in maniera più spensierata e in compagnia degli amici nelle atmosfere tipiche del selvaggio West.

Ori and the Will of the Wisps – Xbox One, PC

Si resta in ambito poetico, perché l'ultima esclusiva Microsoft, Ori and the Will of the Wisps è un gioiello sia dal punto di vista ludico che artistico. Si tratta del secondo capitolo legato al magico universo di Ori. Questa volta il tema è il viaggio esotico, fatto di scenari in cui è impossibile non schiudere le labbra per la bellezza visiva, ma anche di enigmi interessanti e possenti nemici da sconfiggere. Un'esperienza varia, impegnativa, resa affascinante dallo stile artistico e musicale, che fa sì che la magia del titolo rapisca il giocatore.

Hollow Knight – Nintendo Switch, PS4, Xbox One, PC

Dai toni più dark e dalla sfida più ardua rispetto a Ori and the Will of the Wisps c'è Hollow Knight, titolo indipendente ambientato nel mondo degli insetti. Anche in questo caso il design e le tonalità musicali giocano un ruolo fondamentale per il coinvolgimento, già di per sé elevato poiché la difficoltà durante l'avventura è alta sin dai primi momenti di gioco. Ma si tratta di una sfida avvincente, che spinge a superare i propri limiti dopo una serie di sonore sconfitte. Per questo motivo non è possibile spiegare il grado di appagamento quando si supera una prova, che sia fisica contro un nemico, o di abilità per una sequenza di ostacoli. Un altro piccolo gioiellino videoludico, tra l'altro pure abbastanza longevo, in grado di accontentare i videogiocatori più esigenti.

GRIS – Nintendo Switch, PS4, PC, iOS

Una delle ultime produzioni indipendenti più di successo è GRIS, un titolo dal significato criptico che racconta la storia di una fanciulla dai capelli azzurri impegnata a superare la sua più grande paura. Non è dato saperlo, dipende dalla lettura che si vuole dare. Al di là del significato nascosto, GRIS è un titolo da godere appieno in una manciata di ore nella sua semplicità di platform/puzzle-game. Anche in questo caso l'aspetto più riuscito è quello stilistico, dove i colori e le linee conquistano lo sguardo di chi gioca. Una vera poesia videoludica, adatta anche a chi vuole cimentarsi per la prima volta a giocare con i videogiochi.

Death Stranding – PS4

Un mondo deserto. Uomini in isolamento. Un corriere per riportare il domani nelle proprie mani. Sembra che Death Stranding di Hideo Kojima abbia predetto la situazione attuale dettata dalla pandemia. Il titolo può non piacere per le sue meccaniche lente e poco fluide, ma giocarlo oggi assume tutto un altro significato, perché ribadisce l'importanza della tecnologia per sentirsi uniti, l'impossibilità dell'uomo di battere la natura, ma allo stesso tempo la sua capacità di rinascita grazie al senso di altruismo e cooperazione. Un titolo fortemente consigliato a chi tramite il videogioco vuole riflettere sull'oggi.

5 videogiochi per mantenersi in forma durante la quarantena
5 videogiochi per mantenersi in forma durante la quarantena
Scompare per 45 giorni, poi lo ritrovano in hotel a giocare ai videogiochi
Scompare per 45 giorni, poi lo ritrovano in hotel a giocare ai videogiochi
10 arredi per giocare in casa e divertirsi
10 arredi per giocare in casa e divertirsi
374 di CS Design
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni