Il co-fondatore di Microfot, Paul Allen, è morto all'età di 65 anni. All'inizio di questo mese l'uomo che ha dato vita all'azienda di Redmond insieme a Bill Gates aveva annunciato di essere tornato a combattere il linfoma di Hodgkin che già aveva sconfitto nel 2009. Amico di infanzia di Gates, Allen ha co-fondato Microsoft nel 1975, per poi lasciare l'azienda nel 1983 proprio per dedicarsi alla cura della malattia. Fino al 2000 è rimasto nel consiglio di amministrazione di Microsoft e nel corso degli ultimi anni si è anche dato alla filantropia e ha investito nella ricerca di vecchi reperti perduti in mare.

"Il contributo di Paul Allen alla nostra azienda e industria è stato indispensabile" ha commentato Satya Nadella, CEO di Microsoft. "Come co-fondatore di Microsoft, ha creato prodotti magici, esperienze e istituzioni nella sua maniera calma e persistente. Facendolo ha cambiato il mondo. Ho imparato molto da lui e i suoi ideali continueranno a ispirare me e tutti noi in Microsoft. I nostri cuori sono con la famiglia di Paul. Riposa in pace". Allen e Gates hanno fondato Microsoft il 4 aprile 1975, mentre la battaglia contro il cancro è iniziata pochi anni più tardi, nel 1983.

Dopo otto anni dalla sua fondazione, infatti, Allen ha dovuto lasciare Microsoft proprio a causa della lotta contro il linfoma di Hodgkin: il co-fondatore non è più tornato in azienda anche dopo averlo sconfitto in seguito ad un ciclo di radiazioni e un trapianto del midollo. Allen possedeva comunque una buona fetta di azioni di Microsoft pari all'8 percento (circa 138 milioni di azioni) che di fatto lo ha reso miliardario, ma era anche proprietario dei Seattle Seahawk, una squadra di football, e della squadra di basket Portland Trail Blazer. Quando ha lasciato l'azienda era il 17esimo uomo più ricco del mondo, con Bill Gates in testa alla classifica.

La sorella: "Era una persona incredibile"

"Mio fratello era una persona incredibile sotto ogni punto di vista. Molti conoscevano Paul come un uomo tecnologico e un filantropo, ma per noi era un fratello, un marito amato e un amico eccezionale" ha scritto la sorella Jody Allen in una nota. "La famiglia e gli amici di Paul sono stati benedetti dalla sua generosità. Nonostante il suo lavoro, ha sempre trovato tempo per famiglia e amici. In questo momento di lutto siamo profondamente grati per la sua attenzione che ha dimostrato ogni giorno".