In attesa di sapere quando arriverà sul mercato l'attesissimo (e recentemente rivisitato) Samsung Galaxy Fold, chi segue il gruppo coreano ha già una data cerchiata in rosso sul calendario: quella del 7 agosto, quando a New York sarà annunciato il phablet Galaxy Note 10. Il dispositivo non sarà rivoluzionario come il pieghevole, ma promette di perfezionare ulteriormente la formula del predecessore uscito l'anno scorso, e nelle ultime indiscrezioni circolate in queste ore si è già rivelato in modo piuttosto completo.

Samsung Galaxy Note 10, cosa dicono le immagini

Del dispositivo in effetti sono trapelate immagini da almeno due fonti differenti, che ritraggono Note 10 con un design simile a quello del predecessore ma dotato di caratteristiche finora inedite su un dispositivo della gamma Note eppure già presenti sui Galaxy S10 usciti ormai qualche mese fa. Il display innanzitutto è ora privo di cornici e ospita un foro, anche se quest'ultimo è in posizione centrale anziché laterale; le fotocamere posteriori inoltre sono tre anziché due, presumibilmente identiche a quelle viste sul retro di Galaxy S10 e S10 Plus.

Le incognite

Tra le altre caratteristiche ereditate dagli smartphone di inizio 2019 c'è inoltre un lettore di impronte digitale posto sotto al display e una colorazione iridescente che riprende parzialmente il bianco dei Galaxy S10 ma richiama anche agli ultimi dispositivi di fascia alta presentati dalla rivale Huawei. Rimane presente l'immancabile S-Pen — vero e proprio marchio di fabbrica della serie — mentre sembra sparire il tasto dedicato all'assistente vocale Bixby; resta inoltre poco chiaro dalle immagini se Samsung abbia effettivamente deciso di abbandonare l'uscita per jack audio da 3,5 millimetri come rumoreggiato in precedenza.

Difficile capire infine quante varianti del dispositivo arriveranno sul mercato: il gadget ritratto dovrebbe vantare un display da 6,3 pollici di diagonale ed essere il più piccolo di almeno due in arrivo, ma si vocifera anche di un modello Plus con schermo da ben 6,75 pollici, e potrebbe esserne previsto un terzo con modulo 5G, in caso Samsung decidesse di privare i primi due della connettività di nuova generazione.