Samsung annuncerà presto la nuova data di rilascio ufficiale del Galaxy Fold, il primo smartphone pieghevole dell'azienda che nel corso delle ultime settimane è finito al centro di alcune problematiche relative proprio al display, elemento che ha costretto l'azienda a rimandare il lancio previsto per il 3 maggio fino a data da destinarsi. Ad oggi, però, non si sa ancora quale sarà l'effettiva finestra di lancio del foldable di Samsung, che per il momento si è limitata ad annunciare che "l'azienda ha analizzato il problema causato dalle sostanze entrate nel device e prenderà una decisione oggi o domani sul lancio". A farlo è stato DJ Koh, il CEO di Samsung.

Una nota che sottolinea come l'azienda sudcoreana abbia individuato un modo per evitare che problemi simili a quelli che si sono presentati ad alcuni giornalisti e youtuber americani possano verificarsi anche con i dispositivi per il pubblico. Una soluzione che dovrebbe passare per la riduzione del gap attorno alla cerniera che consente al dispositivo di piegarsi e che, a quanto pare, permette anche a sporcizia e polvere di insidiarsi all'interno dello smartphone fino a raggiugnere la parte inferiore del display, portando a potenziali rotture. Inoltre, Samsung vuole diminuire lo spazio tra il bordo dello schermo e la pellicola protettiva, in modo che gli utenti non la scambino per una pellicola rimovibile e non provino a toglierla come successo ad alcuni dispositivi inviati per i test.

Non è però ancora chiaro, soprattutto alla luce di questi cambiamenti, se il Galaxy Fold vedrà effettivamente la luce entro la fine di maggio, almeno negli Stati Uniti. DJ Koh ha spiegato che "non uscirà troppo tardi", ma senza fornire ulteriori dettagli. Ieri, invece, Samsung ha annunciato che se il telefono non sarà lanciato entro il 31 maggio l'azienda cancellerà tutti preordini a meno che gli utenti non confermino all'azienda l'interesse nel dispositivo e nel mantenere attivo il preorder. Di certo quello che sappiamo a questo punto è che Samsung non ha cancellato il Galaxy Fold, ma ne ha riconosciuto i problemi. Se sarà stata in grado di risolverli, però, lo scopriremo solo nelle prossime settimane.

I problemi del Galaxy Fold

Subito dopo l'arrivo del primo pieghevole di Samsung nelle mani di giornalisti e influencer, il dispositivo ha iniziato a mostrare il fianco ad alcune problematiche. Due in particolare hanno decretato la nascita di un grande polverone mediatico: una riguardante la pellicola protettiva dello schermo e una relativa proprio al display. Nel primo caso alcuni giornalisti e youtuber hanno provato a rimuovere la pellicola posizionata sopra lo schermo che, di fatto, potrebbe sembrare come una di quelle posizionate sugli smartphone per proteggerli da graffi e cadute. In realtà è in parte così, ma nel caso del Galaxy Fold questa pellicola fa parte dello schermo e può essere sostituita solo da Samsung: se si prova a farlo da sé, lo schermo si rompe. L'altro problema è che in alcuni casi della polvere e della sporcizia si sono fatti strada nella cerniera posizionandosi sotto lo schermo e, dopo qualche ora, portando questo a spegnersi o a mostrare artefatti.