Stati Uniti contro Huawei
3 Dicembre 2019
18:04

Huawei sta già producendo i primi smartphone senza chip statunitensi

Le nuove unità prodotte dello smartphone Mate 30 sono tra i telefoni che stando al Wall Street Journal il gruppo riesce ormai a realizzare senza l’aiuto di aziende USA. I fornitori statunitensi sono stati sostituiti da alternative presenti in altri Paesi o dalla stessa Huawei, ma il problema resta il software.
A cura di Lorenzo Longhitano
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Stati Uniti contro Huawei

Nel clima di incertezza nel quale sono immerse le sue relazioni con le aziende statunitensi, Huawei si sta ormai da tempo attrezzando per continuare a fare affari con il resto del mondo senza dover dipendere dagli USA per i suoi rapporti commerciali. Parte di questo processo consiste nel trovare altri fornitori per le componenti dei suoi dispositivi, tra i quali non mancano ovviamente gli smartphone; secondo quanto riporta il Wall Street Journal però da questo punto di vista il gruppo avrebbe raggiunto un primo traguardo, e starebbe già iniziando a produrre i primi dispositivi privi di componentistica statunitense.

Stando al quotidiano alcuni modelli specifici come Huawei Y9 Prime e Mate 30 adottano già — almeno nelle unità prodotte più recentemente — processori e chip del tutto riconducibili ad aziende non statunitensi; l'osservazione ha un significato particolare perché vale anche nei casi in cui fino a pochi mesi fa le stesse componenti erano reperite negli USA. I chip Broadcom utilizzati per le connessioni WiFi e Bluetooth vengono prodotti dalla sussidiaria HiSilicon, che ora si occupa anche degli amplificatori di segnale precedentemente acquistati da Skyworks e Qorvo; gli amplificatori audio Cirrus Logic arrivano invece da NXP, mentre Murata e Mediatek si occupano di altre componenti normalmente reperite negli Stati Uniti.

Per quel che riguarda i processori il gruppo può da tempo contare sui Kirin prodotti internamente, anche se la sfida più importante che il gruppo potrebbe dover puntare a vincere senza l'aiuto delle aziende statunitensi resta quella relativa al software. In particolare per il settore smartphone i servizi forniti da Google sulla base del sistema operativo Android sono ancora considerati fondamentali dalla maggior parte dei clienti occidentali: Huawei sta lavorando anche in questo senso, rendendo i suoi servizi più appetibili e cercando di convincere gli sviluppatori esterni della bontà del proprio ecosistema,

63 contenuti su questa storia
Il sistema operativo di Huawei è pronto: HarmonyOS sarà sui primi smartphone dal 2021
Il sistema operativo di Huawei è pronto: HarmonyOS sarà sui primi smartphone dal 2021
Ban Huawei, tra un mese l'azienda non avrà più chip per i suoi smartphone
Ban Huawei, tra un mese l'azienda non avrà più chip per i suoi smartphone
Il Pentagono: "Huawei è controllata dall'esercito o dal governo cinese"
Il Pentagono: "Huawei è controllata dall'esercito o dal governo cinese"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni