Le novità relative a iOS 13 annunciate nel corso della conferenza WWDC dedicata agli sviluppatori Apple sono state numerose, ma come di consueto il prossimo aggiornamento del sistema operativo di iPhone nasconderà numerose nuove funzionalità e modifiche rispetto a quanto già disponibile nella versione attuale. Di alcune — come la ricarica ottimizzata della batteria o il blocco delle chiamate indesiderate — abbiamo già parlato; altre stanno ancora venendo alla luce grazie a chi sta già mettendo le mani sulle versioni preliminari del software, he lo sta spulciando riferendone le novità più interessanti.

iOS 13 prende qualche spunto da Android

Finalmente l'indicatore del volume sarà meno ingombrante e più intelligente, e anziché apparire al centro dello schermo sbucherà discretamente dal lato dello schermo in corrispondenza dei tasti per il volume come avviene su Android. Sempre ispirata dall'OS Google è la possibilità di accedere alle impostazioni di WiFi e Bluetooth direttamente dal centro di controllo, anziché dover passare dalle impostazioni del dispositivo. Per disinstallare le app poi non sarà più necessario andarle a pescare nella schermata home, ma si potranno eliminare direttamente dalla pagina dell'App Store relativa alle app installate, scorrendo la voce verso sinistra e selezionando l'opzione apposita.

Migliorate messaggistica e scrittura

I telefoni con supporto dual sim potranno usare iMessage e FaceTime su entrambi i numeri contemporaneamente, anziché su uno solo per volta come su iOS 12. La tastiera per la scrittura a mano si potrà inoltre ridimensionare per avere più spazio per tracciare le lettere. La funzionalità in realtà farà felici principalmente coloro che utilizzano caratteri complessi come quelli cinesi o giapponesi, ma tra gli utenti di iPhone non manca chi lo utilizza con un pennino capacitivo, che potrebbe a questo punto trovarsi a scrivere con più facilità sullo schermo del gadget.

Tra gli strumenti di ritocco fotografico integrati nell'app interna al sistema operativo c'è da segnalare l'arrivo di due strumenti per la correzione delle distorsioni sull'asse orizzontale e verticale, come già avviene su numerose app di fotoritocco. Infine le scorciatoie normalmente accessibili con il 3D Touch si potranno raggiungere con una pressione lunga del dito sul punto desiderato, a dimostrazione del fatto che probabilmente i prossimi iPhone non disporranno della tecnologia introdotta qualche anno fa. Per mettere le mani su queste funzionalità e su tutto il resto del sistema operativo c'è da attendere: il rilascio per il grande pubblico avverrà questo autunno, in concomitanza con il lancio dei nuovi modelli di iPhone