L'ultima volata in borsa del titolo Microsoft è valsa alla società un traguardo a portata di mano ormai da tempo ma ancora mai raggiunto: quello dei mille miliardi di valore, oltrepassato nella giornata di ieri grazie ad azioni che hanno superato il valore di 130 dollari ciascuna. La multinazionale fondata da Bill Gates e guidata ora da Satya Nadella è così entrata nell'esclusivo club del trilione — il gruppo di aziende che si sono dimostrate capaci di superare l'assurda soglia e che da ieri conta quattro membri in totale.

Prima di Microsoft era stata infatti la volta di Apple e di Amazon, che rispettivamente hanno toccato quota mille miliardi ad agosto e a settembre dell'anno scorso. Più di dieci anni prima la vetta del trilione era inoltre stata raggiunta da PetroChina, azienda petrolifera cinese quotata a Shanghai e Hong Kong le cui azioni sono però crollate drammaticamente subito dopo la performance. Una volta dentro il club però si è dentro per sempre, almeno per convenzione: al di là del disastro che ha coinvolto PetroChina, anche le società guidate da Tim Cook e Jeff Bezos nei mesi successivi al raggiungimento del traguardo sono infatte tornate a un livello di capitalizzazione inferiore ai mille miliardi, e lo stesso è già successo a Microsoft il cui valore sta fluttuando ormai da ore anche in seguito alla notizia.

Allo stato attuale la casa di Redmond si trova comunque al primo posto delle aziende mondiali per valore, seguita da Apple e poi da Amazon. La spinta necessaria a far salire le azioni della casa di Redmond sopra la fatidica soglia dei 130 dollari è arrivata dalla pubblicazione degli ultimi risultati trimestrali del gruppo, che hanno evidenziato come gli affari di Microsoft godano in sostanza di ottima salute: il segmento del cloud computing — una delle nuove priorità del gruppo dall'insediamento di Nadella — si è mostrato in crescita sostenuta e i ricavi in generale sono cresciuti del 14,6% rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso, arrivando a 30,57 miliardi di dollari: un dato che ha superato le attese degli analisti e causato l'euforia degli investitori.