Partiamo subito con un presupposto: le attuali tecnologie WiFi sono comode, è vero, ma sono di pessima qualità. E i limiti sono dovuti perlopiù alla tecnologia utilizzata che, oltre a non essere full-duplex, soffre continuamente di interferenze ed ostacoli. Un problema piuttosto comune, anche in appartamenti dalle piccole dimensioni, che in molti cercano di risolvere acquistando un ripetitore WiFi, oppure dispositivi in grado di creare reti mesh come il Netgear Orbi o il Google WiFi.

In pochi però, sanno che non è sufficiente acquistare un ripetitore WiFi per migliorare la qualità e la velocità della propria rete senza fili, ma è importante anche capire con precisione dove posizionare il repeater e, soprattutto, capire se ci sono interferenze dovute alla presenza di altre reti WiFi nelle vicinanze. Ed è qui che entriamo in gioco noi: in questa video guida vi mostrerà come controllare la potenza (e la qualità) della vostra rete WiFi, in modo da capire dove posizionare un ripetitore WiFi e scegliere il canale WiFi migliore, basandoci sulle altre reti senza fili attive nelle vicinanze.

Se quindi vi ho incuriositi e anche voi vorreste capire come controllare la potenza (e la qualità) della rete WiFi, prendetevi cinque minuti di tempo e seguite i miei consigli: lo faremo con un'app gratis per Android disponibile nel Play Store, sviluppata proprio con questo scopo e che vi farà capire dove il segnale del WiFi è sufficiente e quali sono i punti d'ombra della vostra connessione senza fili.

La prima cosa da fare per controllare la potenza (e la qualità) della rete WiFi è scaricare dal Play Store l'app gratis "Analizzatore WiFi" (potete scaricarla cliccando QUI): è probabilmente tra le applicazioni più complete del suo genere ed è molto semplice da utilizzare. Dopo aver scaricato e installato l'app, nella finestra principale visualizzerete immediatamente un grafico nel quale verranno visualizzate tutte le reti WiFi nelle vicinanze e i relativi canali di trasmissione: il primo fattore da tenere in considerazione è quello di evitare il più possibile che due o più reti WiFi si "accavallino" sullo stesso canale di trasmissione. Qualora quindi dovesse capitare questo proprio con la vostra rete domestica, il mio consiglio è quello di andare nelle impostazioni del router e di modificare manualmente il canale seguendo una semplice linea guida: per ottenere il risultato migliore è necessario che tra i vari canali di trasmissione venga lasciato un gap di almeno 3, se quindi vedete trasmettere una rete sul canale 6 (per esempio), sarebbe ideale che un'altra rete trasmettesse sul canale 9 e così via.

Ma se non volete impazzire e volete capire qual'è il miglior canale WiFi, Analizzatore WiFi può aiutarvi: tappando sull'icona a forma di occhio, posta in alto, si aprirà un piccolo menu nel quale dovrete selezionare la voce "Valutazione canale": in questo modo verrà visualizzato un elenco contenente tutti i canali di trasmissione e la relativa valutazione.

Ma non finisce qui. Utilizzando questa applicazione potrete anche capire anche come scegliere il posto migliore per posizionare un repeater WiFi. Farlo è semplicissimo. Tutto quello che dovrete fare sarà tappare sempre sull'icona a forma di occhio visualizzata in alto, ma questa volta sarà necessario scegliere la voce "Indicatore segnale". Si aprirà quindi una nuova sezione nella quale dovrete prima di tutto tappare il tasto in basso con scritto "Tocca qui per selezionare", per poi selezionare la vostra rete WiFi nell'elenco.

A questo punto, non vi resta che perdere due minuti e camminare per tutta la casa, per capire i punti in cui il segnale è ancora buono (cioè non inferiore ai -60 db): per ottenere il massimo delle prestazioni, estendendo anche la portata della vostra rete WiFi, dovrete posizionare il ripetitore WiFi in qualsiasi zona in cui la lancetta nell'indicatore dell'applicazione sia sulla zona verde.