In un mondo in cui quasi tutti hanno abbandonato l'LCD a favore degli OLED, sono rimaste in poche le aziende che continuano ad essere fedeli ai cristalli liquidi ma, spesso, i risultati ottenuti non sono da meno. L'abbiamo visto nell'ottima Samsung Q9FN 2018, la TV 4K top di gamma per l'azienda, e lo ritroviamo nella TCL C76, una TV 4K presentata nel corso dell'IFA 2018 di Berlino e che è caratterizzata da un'estrema completezza in termini di funzionalità e un prezzo leggermente più alto rispetto agli altri esponenti di TCL, ma comunque molto interessante: parliamo di 899 euro, ma su Amazon è già disponibile in sconto. E sì, andare verso i 1000 euro è ormai rischioso per ogni Tv non Oled, ma ci sono caratteristiche molto interessanti in questo TCL C76 che potrebbero rendere la spesa più che giustificata. Ma andiamo con ordine.

Il design del TCL C76 è estremamente minimalista, lo schermo è molto sottile nella parte alta e l'immagine è riprodotta in un pannello che è praticamente senza cornici. Estremamente robusto il telaio, che mette in evidenza quanto negli ultimi anni TCL stia facendo in termini di progettazione e qualità di costruzione, una caratteristica che troviamo anche nella soundbar integrata posizionata in basso, di forma cilindrica e realizzata in collaborazione con JBL. Insomma, che in questi ultimi anni TCL sia cresciuta molto è un dato di fatto, e possiamo affermare con certezza che ormai, almeno a livello di design, l'azienda cinese non sia seconda a nessuno.

Hardware TCL C76

Il TCL C76 che abbiamo avuto modo di provare è un 55 pollici. Il pannello utilizzato è un LED-EDGE a 60 Hz e 10 bit (8 bit + FRC), compatibile con HDR 10 e HLG. E se si ha mai avuto la possibilità di provare più TV 4K prodotte dall'azienda, sin dalla prima accensione ci si rende conto che TCL "è corsa ai ripari", sistemando alcuni degli errori visti nei modelli 2017, e che abbia pensato di offrire ai suoi clienti una TV con un bilanciamento dell'immagine corretta sin dalla prima accensione. Le immagini sono "dolci", senza esagerazioni nella saturazione e, forse per la prima volta, siamo al cospetto di una TV che parte con tutte le funzionalità di compensazione del movimento disattivate di default. Cosa vuol dire? Avete in mente "Motionflow" e affini che trasformano i movimenti di ogni film in una "telenovela sud-americana"? Bene, nella TCL C76 sono presenti, ma per utilizzarli sarà necessario attivarli volontariamente.

Buona la luminosità massima di 400 nits, in grado di garantire un'ottima visuale anche in ambienti luminosi, ma che in HDR inizia a tentennare e non poco: vedere contenuti in HDR 10 è consigliato esclusivamente in ambienti bui, altrimenti si rischierebbe di "innervosirsi" per la scarsa luminosità del pannello.

Purtroppo, come in tutti gli LCD di fascia medio/alta, gli angoli di visione continuano ad essere poco convincenti e man mano che ci si sposta dalla perpendicolarità, si inizia a perdere contrasto e bilanciamento del colore.

La soundbar realizzata in collaborazione con JBL è un vero piacere da ascoltare e, per inciso, la soundbar esterna di JBL più economica costa circa 200 euro. La resa dell'audio della C76 è subito importante, e il sistema a due vie da 15 watt a canale rende l'audio della TV di TCL migliore di quello della stragrande maggioranza delle TV in circolazione.

Ottimo anche il telecomando, che nella confezione è presente in due versioni. La prima, quella tradizionale, è ad infrarossi ed è molto lungo e stretto: integra tutti i tasti necessari per controllare le funzioni della TV (Android e Netflix compresi) e il tastierino numerico. Il secondo, invece, è molto più ridotto in dimensioni e si connette alla TV tramite bluetooth: non è presente un tastierino numerico e si può trasformare in un "Air mouse", con il quale sarà possibile gestire un puntatore sullo schermo semplicemente spostando il telecomando.

Qualità video TCL C76

Partiamo subito da un presupposto. Vedere contenuti in SD su una TV 4K fa schifo. E non poco. Personalmente, odio anche vedere i contenuti in FullHD di Sky su televisioni del genere. Fortunatamente però, quando si guarda questa tipologia di video sulla C76, la visione risulta piuttosto piacevole e priva di tutti quegli artefatti che si vengono a creare in TV che affannano nella ricerca dei dettagli anche nei contenuti SD.

Ma i 1700 PPI si fanno vedere soprattutto nei contenuti in 4K, in cui il TCL C76 da il meglio di sé, con immagini dettagliate, molto bilanciate e – ancora una volta – prive di tutti gli artefatti derivanti da circuiti ed algoritmi di compensazione dell'immagine.

La cosa più convincente relativa alla qualità dell'immagine del TCL C76 è il contrasto dell'immagine, estremamente ottimizzato dagli ingegneri dell'azienda e che probabilmente rappresenta il massimo che si può raggiungere in una TV Led- EDGE. Nei contenuti in HDR però, ci si rende subito conto che non si tratti di un Full-LED, quindi chiunque acquisti un C76 con la speranza di vedere immagini super luminose, con esplosioni di colori, sta facendo un acquisto sbagliato.

In ogni caso, eccetto per la gamma forse troppo aperta (almeno nelle impostazioni di fabbrica), la qualità delle immagini visualizzate nel TCL C76 è molto piacevole, ottimamente bilanciata e estremamente naturale: insomma è la TV perfetta per chi non vuole spendere troppo, ma vuole un pannello ottimamente bilanciato sin dalla prima accensione.

Meno piacevole l'uniformità della retroilluminazione, che come in ogni Led-EDGE non è per niente perfetta. E lo si nota soprattutto nelle schermate nere in un ambiente totalmente buio dove risultano più palesi clouding e banding lungo i bordi del pannello.

Un problema di certo non "nascosto" dalla colorazione dei menu, che con il grigio che li caratterizza, rischiano di far vedere ancora di più la disuniformità della retroilluminazione. Ma non fraintendetemi, non si tratta di problematiche talmente marcate da falsare la visione di video e videogiochi, ma è una caratteristica tipica dei Led-EDGE e quel che va detto, va detto.

Software TCL C76

Il software che anima la TCL C76 è Android TV nella versione 8. E, ancora una volta, resto della mia convinzione: se è vero che non si può parlare di una Smart TV, senza un OS realmente "intelligente", è altrettanto vero che Android TV è l'OS Smart per antonomasia.

Il sistema operativo di Google offre il massimo che si può chiedere ad una smart TV, eccetto per l'accensione che, a TV totalmente spento e non in standby, può richiedere oltre il minuto per la piena operatività. Ma si tratta di un fattore estremamente poco influente, se poi si può utilizzare un OS nel quale è possibile installare praticamente tutte le applicazioni Android e che è sempre veloce, scattante, ricco di opzioni, e con un chromecast integrato.

Insomma, resto dell'idea che Android TV sia l'unico vero e proprio sistema operativo "smart" per le televisioni, e con il nuovo processore utilizzato da TCL nella C76 e l'aggiornamento alla versione 8.0, non c'è davvero nulla da dire: è veramente il massimo in termini di utilizzo, dinamicità e funzionalità. Ed è un fattore da prendere molto in considerazione quando si valuta il prezzo della TCL C76, perché con una spesa di circa 800 euro non solo ci si porta a casa un buon TV 4K da 55" Led-EDGE, ma anche un box Android TV (che costa in genere sugli 80 euro).

Prezzo di vendita in Italia TCL C76

La TCL C76 da 55" è venduta in Italia al prezzo ufficiale di 899 euro, ma su Amazon è già disponibile in sconto. Si tratta di una TV che ha saputo curare tutti gli aspetti che contano davvero, senza sbagliare (quasi) mai, a partire dall'ottimo bilanciamento dell'immagine, fino ad arrivare all'audio e alla scelta del sistema operativo. Insomma, in questa fascia di prezzo è praticamente impossibile trovare modelli che fanno quello che fa la C76 e, mai come questa volta, l'azienda lo fa con cognizione di causa e certa della sua crescita sia qualitativa che come quota nel mercato europeo.

Le selezioni di prodotti o servizi contenute in questo articolo sono affidabili e indipendenti. In alcune occasioni, viene percepita una commissione sugli acquisti effettuati tramite i link presenti nel testo, senza alcuna variazione del prezzo finale.