310 CONDIVISIONI
Metaverso
28 Ottobre 2021
20:20

Rivoluzione Facebook: il nuovo nome dell’impero di Zuckerberg è Meta

Il nome del social network più frequentato nel mondo rimane sempre Facebook, ma a cambiare è il nome di quello che finora veniva chiamato semplicemente gruppo Facebook, ovvero l’azienda quotata in borsa che sviluppa e gestisce l’omonimo social e una miriade di altri prodotti tra i quali Instagram e WhatsApp.
A cura di Lorenzo Longhitano
310 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Metaverso

Alla fine il nuovo nome di Facebook è ufficiale: Meta, che sta per metaverso, ovvero il concetto che Zuckerberg intende rendere realtà da qui ai prossimi 10 anni. Dopo giorni in cui si rincorrevano le voci di un nuovo battesimo per il gruppo fondato da Mark Zuckerberg, la conferma è arrivata in questi minuti con l'annuncio ufficiale da parte dello stesso fondatore durante l'evento Connect che si è conluso negli ultimi minuti. L'annuncio di oggi era atteso a causa di indiscrezioni che dall'inizio della settimana raccontavano i massimi vertici dell'azienda al lavoro su un nuovo nome che potesse raccontare al meglio le nuove ambizioni di un conglomerato che ormai non si occupa più di social network, né tantomeno solo di Facebook.

Le anticipazioni dei giorni scorsi

In effetti parlare di corrispondenza tra il gruppo guidato da Mark Zuckerberg nel 2021 e il social network che fondò nel suo dormitorio ad Harvard nel 2004 ormai è totalmente fuorviante. Da allora Facebook non solo è diventato una potenza globale a sé stante, ma l'azienda che ne gestisce le operazioni ha acquisito decine di altre realtà tecnologiche – dalla piattaforma Instagram alla messaggistica di WhatsApp passando per la realtà virtuale di Oculus – e presentato al pubblico altrettante nuove piattaforme come WhatsApp Pay e la miriade di prodotti interni a Instagram. All'interno del gruppo Facebook, il social Facebook insomma è ormai solo uno tra tanti prodotti, e neppure quello con le prospettive migliori.

Perché ora il gruppo Facebook si chiama Meta

Era solo questione di tempo prima che l'azienda decidesse farsi rappresentare da un nome diverso da quello del social che attualmente cresce in modo meno spedito tra tutti quelli che gestisce. Quale dovesse essere questo nome, è qualcosa su cui i piani alti si sono interrogati a lungo: la questione del cambio era sul piatto da anni, anche se stando alle indiscrezioni raccolte più di recente è diventata pressante solamente negli ultimi due mesi; in particolare sembra che il numero uno di Facebook in persona, Mark Zuckerberg, sia stato fino all'ultimo momento dubbioso sulla decisione da prendere.

La decisione è infine caduta sulla direzione che ormai da mesi lo stesso Zuckerberg ha deciso di far prendere alle attività del suo gruppo, ovvero quella del metaverso. L'universo di esperienze in realtà virtuale che secondo il fondatore di Facebook accoglierà un miliardo di persone entro i prossimi dieci anni rappresenta così il futuro non solo di Facebook, ma anche un punto di convergenza per tutti gli attuali prodotti e servizi del gruppo — da Instagram a WhatsApp. Il cambio di nome simboleggia una scommessa ambiziosa: significa che tutti gli sforzi della multinazionale saranno indirizzati alla costruzione di qualcosa le cui fondamenta sono a malapena state gettate; se la visione di Zuckerberg si concretizzerà, non solo Facebook, ma anche gli attuali prodotti maggiormente di successo saranno un giorno spazzati via dal nuovo immaginato e annunciato ufficialmente in queste ore.

310 CONDIVISIONI
20 contenuti su questa storia
La prima squadra professionistica sbarca nel Metaverso: così vedremo lo sport nel futuro
La prima squadra professionistica sbarca nel Metaverso: così vedremo lo sport nel futuro
Siamo stati nel Metaverso di Decentraland
Siamo stati nel Metaverso di Decentraland
145 di Marco Paretti
Second Life è ancora vivo: si prepara al Metaverso con il ritorno del suo fondatore
Second Life è ancora vivo: si prepara al Metaverso con il ritorno del suo fondatore
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni