0 CONDIVISIONI

Una rete capillare per rendere possibile il futuro

Uno scarto tecnologico da colmare: su 20 milioni di connessioni a internet attive in tutta Italia, solo 3 milioni viaggiano infatti su reti ad altissima velocità. Ora però arrivano progetti che prevedono l’uso “massivo” per i prossimi 10 anni delle infrastrutture telematiche ad altissime velocità e capacità: tra quantum computing e fiber sensing, la fibra ottica sta già portando una rivoluzione in molti campi, da quello meteorologico a quello sanitario e della tecnologia a tutto tondo.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
Immagine
A cura di Ciaopeople Studios
0 CONDIVISIONI
Immagine

Se la digitalizzazione in questi ultimi 3 anni ha subito una forte accelerazione dovuta a cause impreviste come la pandemia, è alla fibra ottica che dobbiamo la rivoluzione del mondo delle telecomunicazioni: grazie a essa sono state connesse zone difficili da raggiungere – come quelle montuose della dorsale appenninica e i piccoli borghi che le puntellano, oltre a tante isole italiane. L’obiettivo è quello di digitalizzare ogni zona, metropoli o piccola frazione arroccata che sia ma anche di sviluppare una sorta di sistema nervoso digitale del Paese. Tutto questo è avvenuto, e ancora sta avvenendo, grazie al piano di investimento nazionale di 15 miliardi di euro targato Open Fiber: l’operatore di telecomunicazioni primo in Italia – e leader in Europa – nelle infrastrutture in fibra ottica fino a casa (FTTH) ha già coperto in fibra oltre 13 milioni di unità immobiliari, mentre in oltre 4mila comuni i servizi sono in vendibilità. Oggi, circa il 70% dei clienti attivati in Italia su rete FTTH (ossia la fibra ottica che arriva fino al modem dell’utente) naviga su infrastruttura Open Fiber. Una rete velocissima, ma poco sfruttata: su circa 20 milioni di linee attive, solo 3 milioni (15%) sono quelle su infrastrutture VHCN (ossia quelle che hanno una connessione velocissima, da almeno 1000 Mbit/s in download). Il tema non è quindi solo tecnologico, ma anche culturale.

RESTART: innovazione tecnologica ed educazione al digitale

Su questo punto è necessaria la sinergia di più enti e soggetti che possano fare da stimolo nella diffusione di applicazioni e servizi di telecomunicazioni: pubbliche amministrazioni, PMI, enti di ricerca, istituzioni e altri fornitori rappresentano una platea vasta per incentivare a utilizzare le infrastrutture già realizzate. Per questo, Open Fiber ha deciso di partecipare a RESTART (Fondazione di partecipazione RESearch and innovation on future Telecommunications systems and networks, to make Italy more smART – FONDAZIONE RESTART), un programma ambizioso che coinvolge le aziende del settore delle telecomunicazioni, i centri di ricerca e le Università italiane sul tema dell’innovazione tecnologica del prossimo decennio.

Progetti che puntano al futuro 

I progetti in campo sono già tanti e vanno dal settore education a quello della creazione di start up, dalla risoluzione del divario Nord-Sud allo sviluppo di nuove tecnologie. Qualche esempio? È possibile attraverso le telecomunicazioni e la rete in fibra ottica rendere più efficienti e sostenibili le società di distribuzione di energia? Sembra che una maggior efficienza consentirebbe un risparmio energetico del 10-15% (con riduzione anche della CO2): l’obiettivo di Open Fiber in questo specifico progetto (Telesmeg) è quello di migliorare il monitoraggio e il controllo dei consumi attraverso l’attività (ancora da valutare e sperimentare) di una cabina di regia intelligente in grado di prevedere gli stoccaggi e ottimizzare la distribuzione. E cosa dire dell’applicazione della fibra ottica nel quantum computing? La fibra è un partner essenziale in questo settore in forte crescita, capace di trovare applicazioni nella diagnostica e nella ricerca scientifica sanitaria, nella finanza, nella logistica, nel marketing e nella meteorologia: tutto questo è Rigoletto, il progetto coordinato dal Prof. Castoldi della Scuola Superiore Sant’Anna. Ma le collaborazioni di Open Fiber sono anche con il CNR (Prof. Passarella), con focus sull’User-centric Pervasive Internet; sulle architetture di Edge Computing (Pesco); con l’Università Federico II di Napoli, per sviluppare uno switch attivo completamente ottico (Graphics), programmabile da remoto, e con l’Università di Palermo (Net4Future, progetto coordinato dalla Prof.ssa Ilenia Tinnirello) per incentivare l’innovazione.

Contro un sisma, una “semplice” fibra ottica

Ma può la fibra ottica aiutare a prevenire i danni causati da eventi catastrofici come i terremoti? Ebbene sì: può fare anche da sensore di rilevamento! Il progetto sperimentale MEGLIO – Measuring Earthquakes signals Gathered with Laser Interferometry on Optic Fibers – in collaborazione con Open Fiber, BAIN, l’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), l’INRIM (Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica) e Metallurgica Bresciana S.p.A., ne è un esempio. Nel caso di un sisma, infatti, la fibra ottica si allunga in modo quasi impercettibile (dell’ordine del millesimo di millimetro), a causa del movimento del terreno. Questa azione meccanica provoca un cambiamento di fase nel segnale luminoso misurabile con estrema precisione. Questo dato può essere rilevato a migliaia di chilometri di distanza e anche elaborato per indicare il luogo preciso e l’intensità del terremoto – tutto è possibile grazie alla capillarità della rete in fibra ottica. Una testimonianza la si trova nel tratto tra Ascoli Piceno e Teramo dove scorre una rete di 30 km, che è la prima fibra percettiva del mondo: un fiber sensing che non solo connette ma anche monitora i sismi.  Se non è futuro questo!

Contenuto pubblicitario a cura di Ciaopeople Studios.
0 CONDIVISIONI
 
Benvenuti nella Campania del futuro
Benvenuti nella Campania del futuro
La piccola grande Italia in rete
La piccola grande Italia in rete
Il futuro del lavoro nasce dal presente
Il futuro del lavoro nasce dal presente
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni