A circa un mese dal Mobile World Congress e dalla presentazione dei nuovi Samsung Galaxy S10, Huawei rilancia a Parigi con la sua serie P30, che vede come protagonisti il Huawei P30 Pro e il classico Huawei P30. I due nuovi top di gamma per l'azienda capitanata da Richard Yu, seguono la strada aperta dalla famiglia P20 (e dal Mate 20), migliorandola con intelligenza artificiale e caratteristiche hardware che mettono sempre più bene in chiaro la rotta di Huawei: produrre smartphone veloci, focalizzati soprattutto sulla fotocamera.

Soprattutto negli ultimi giorni, le indiscrezioni avevano praticamente già svelato i dettagli più importanti dei due dispositivi: il retro con quattro fotocamere Leica del P30 Pro, una delle quali quadrata per permettere lo zoom ottico 5x grazie a un sistema periscopico, e un display con notch a goccia senza tasto home e con sensore per le impronte digitali nascosto sotto lo schermo.

Le fotocamere

Se l'anno scorso, per la presentazione della serie P20, Huawei aveva parlato di "rinascimento", quest'anno si potrebbe parlare di "rivoluzione", soprattutto per quanto riguarda il sensore utilizzato nel P30 Pro. Il top di gamma dell'azienda è il primo dispositivo quad camera Leica che vede un sensore principale da 40 megapixel f/1.6 SuperSpectrum stabilizzato, affiancato da un 20 megapixel ultra-grandangolare f/2.1 e uno zoom ottico 5x periscopico con una risoluzione da 8 megapixel f/3.4. La quarta fotocamera è una TOF, che verrà utilizzata esclusivamente per il calcolo della profondità di campo, utile soprattutto nelle foto effetto bokeh.

Interessante il sistema di zoom pensato da Huawei. Con un concetto molto simile a quello che abbiamo già visto con Oppo, la fotocamera quadrata del Huawei P30 Pro nasconde un prisma che riflette la luce su delle lenti poste verticalmente rispetto la superficie dello smartphone.

Ma oltre alla risoluzione e allo zoom ottico 5x, in grado di arrivare ad un ingrandimento 10x in modalità ibrida e di ben 50x in modalità digitale, la vera novità sta nel sensore SuperSpectrum che abbandona i normali sensori RGGB e non utilizzerà più il colore verde per catturare ed elaborare i colori, a favore di un sistema RYYB, nel quale quindi verrà utilizzato il giallo al posto del verde: il risultato, almeno secondo quanto dichiara l'azienda, è un aumento del 40% della luce catturata nel sensore.

Ed in effetti dalle nostre prove le differenze ci sono. L'anno scorso il P20 Pro era in grado di scattare ad una sensibilità di 102400 ISO, mentre quest'anno il P30 Pro arriva addirittura a 409600 ISO: in questo modo, utilizzando la nuova modalità notturna migliorata, sarà possibile scattare fotografie in ambienti totalmente bui, e senza la necessità di utilizzare treppiedi.

Novità anche per la fotocamera frontale, che integra un sensore da 32 megapixel con un'ottica f/2.0, e che può sfruttare l'interessante sistema HDR pensato da Huawei anche per la fotocamera posteriore: grazie all'intelligenza artificiale, il software della fotocamera riuscirà a distinguere i diversi livelli dello scatto, sui quali potrà applicare esposizioni differenti, per avere (forse per la prima volta) un vero HDR.

Le caratteristiche tecniche e i prezzi

Il Huawei P30 Pro ha uno schermo da 6.47" curvo, che utilizza un pannello OLED con una risoluzione FullHD+ da 2340×1080 pixel. Il processore è il già conosciuto Kirin 980 con doppia NPU per l'intelligenza artificiale e la memoria RAM è di 8 GB, indipendentemente dalla memoria interna, che può essere da 128 GB, 256 GB o 512 GB.

Anche la batteria diventa più grande e a differenza della 4000 mAh presente nel P20 Pro, il nuovo Huawei P30 Pro è dotato di una corposissima 4300 mAh, con la quale sarà anche possibile ricaricare altri dispositivi in modalità wireless, e che è compatibile con la ricarica cablata veloce SuperCharge da 40W e con la ricarica wireless veloce da 15 watt.

È Dual Sim ed è certificato IP 68 per la resistenza ad acqua e polvere, mentre le colorazioni sono cinque (ma non tutte arriveranno in Italia): White, Breathing Crystal, Black, Amber Sunrise e Aurora.

Il Huawei P30 Pro sarà disponibile in Italia a partire dal 27 marzo, al prezzo di 999,90 euro per la versione con 8 GB di RAM e 128 GB di memoria interna, e 1099,90 euro per la versione con 8 GB di RAM e 256 GB di memoria interna, nelle colorazioni Black, Sunrise Orange, Breathing Crystal e Aurora.

Chiaramente, qualche differenza nella scheda tecnica del Huawei P30 c'è. Il display è un OLED (non curvo) da 6.1 pollici, la memoria interna sarà da 128 GB e la RAM da 6 GB, la batteria sarà da 3650 mAh e continuerà ad utilizzare un sistema a tripla fotocamera con un sensore principale da 40 megapixel SuperSpectrum, un ultra grandangolare da 16 megapixel e uno zoom ottico tradizionale 3x da 8 megapixel.

Il Huawei P30 costerà 799 euro e sarà disponibile in Italia a partire dal 27 marzo.