6 Dicembre 2011
15:09

Banda larga, anche in Italia scattano le indagini dell’UE

La Commissione Europea vuole conoscere la reale condizione delle reti nei paesi membri. Per fare ciò utilizzerà 100mila volontari in 27 paesi, 7500 dei quali solo in Italia. Lo scopo è quello di una destinazione più mirata dei fondi per le infrastrutture.
A cura di Angelo Marra

Nell'ultimo periodo l'Europa sta facendo enormi pressioni verso gli stati membri perchè si muniscano al più presto di infrastrutture adeguate che consentano ai cittadini comunitari di accedere alla rete in maniera costante e veloce. I richiami non si contano ormai più, così la Commissione guidata da Neelie Kroes non solo ha imposto scadenze ben precise (pena le canoniche sanzioni) ma ha deciso di avviare un'indagine sulle reali condizioni delle reti dell'Unione.

Come la stessa Kroes ha dichiarato, "tutti i cittadini dell’Unione Europea dovrebbero beneficiare di una rete Internet aperta e regolata, senza le restrizioni e i problemi di velocità che spesso si incontrano in molti Paesi. Abbiamo la necessità di raccogliere i dati direttamente dai consumatori europei, per capire l’effettivo livello di servizio della banda larga. Con i dati alla mano, saremo in grado di capire con maggiore precisione quali Paesi hanno bisogno di investimenti per migliorare la qualità del servizio".

L'indagine si avvalerà della collaborazione di 100.000 volontari sparsi in tutta Europa che metteranno le loro connessioni a disposizione della verifica. Per fare ciò bisognerà soltanto richiedere e collegare un piccolo apparecchio, Whitebox, che durante i momenti di inattività degli utenti misurerà i valori della rete per controllare l'effettiva velocità in download e upload.

Per il nostro paese la Commissione ha richiesto la collaborazione di 7500 volontari, sparsi in tutto il territorio nazionale. In effetti l'Italia è una delle nazioni che ha registrato la più bassa crescita della velocità media (come è visibile dal grafico interattivo in basso) e probabilmente sarà una di quelle maggiormente interessate dagli investimenti strutturali. Almeno questo è il nostro augurio.

(cliccando su un punto qualsiasi di una delle linee è possibile visualizzare la velocità media in download e upload in un anno preciso)

PIL e banda larga, Italia ultima nella Top10 mondiale
PIL e banda larga, Italia ultima nella Top10 mondiale
Bye Bye Banda Larga in Italia: il digital divide non è un problema di questo governo
Bye Bye Banda Larga in Italia: il digital divide non è un problema di questo governo
Banda larga in Europa, l'infografica interattiva
Banda larga in Europa, l'infografica interattiva
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni