Libra, la criptovaluta di Facebook
24 Settembre 2019
11:46

Facebook, ecco come sarà sostenuta Libra: il 50% dal dollaro Usa, ma manca lo yuan cinese

Ecco come sarà composta la ripartizione delle valute di supporto a Libra: il 50 percento sarà garantito dal dollaro statunitense; poi il 18 percento dall’euro; il 14 percento dallo yen giapponese; l’11 percento dalla sterlina britannica e il 7 percento dal dollaro di Singapore. Manca lo yuan cinese.
A cura di Francesco Russo
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Libra, la criptovaluta di Facebook

A giugno Facebook aveva presentato al mondo la sua valuta digitale, Libra, e, al di là dei primi entusiasmi, il suo percorso da allora non è stato certo facile. Diversi i paesi che hanno manifestato dubbi e scetticismo per quanto riguarda l'operazione di Mark Zuckerberg e gli Stati Uniti sono stati i primi a sostenere che la moneta dovesse avere le caratteristiche di ogni valuta prima di poter entrare in circolo. In Europa, di recente, Francia e Germania hanno dichiarato di voler bloccare Libra, sostenendo che nessuna entità privata può arrogarsi anche il potere monetario.

Le valute che sosterranno Libra

Su Twitter, qualche giorno fa, è intervenuto David Marcus, il creatore di Libra, per rassicurare le autorità governative e per sottolineare che l'intenzione è quella di collaborare per rendere la valuta adeguata a tutte le normative vigenti. E, intanto, il quotidiano tedesco Der Spiegel ha rivelato come sarà composto il paniere di valute che sosterrà Libra: dollaro statunitense, euro, yen giapponesi, sterlina britannica e dollaro di Singapore. Assente lo yuan cinese, in risposta alle preoccupazioni di alcuni politici statunitensi che temono che la valuta cinese stia diventando troppo forte.

Perché è sostenuta da monete reali

A differenza dei bitcoin, valuta altamente speculativa, Libra è invece una "stable coin": lo scopo è quello di mantenere stabile il suo valore grazie al supporto di banche e società di e-commerce ma, come le altre monete elettroniche, si baserà sulla tecnologia "blockchain". Il valore di Libra sarà sostenuto da titoli di Stato a breve termine in valuta fiat e titoli di Stato a breve termine.

La ripartizione delle valute di supporto a Libra è la seguente: il 50 percento sarà garantito dal dollaro statunitense; il 18 percento dall'euro; il 14 percento dallo yen giapponese; l'11 percento dalla sterlina britannica; il 7 percento dal dollaro di Singapore.

Manca lo yuan cinese, una decisione presa per cercare di dare una risposta ai tanti politici americani che ritengono la valuta cinese al momento troppo forte. Nonostante tutto, rimangono ancora ferme le posizioni contrarie di alcuni paesi, anche europei, mentre Facebook ribadisce l'intenzione di soddisfare le richieste delle varie autorità governative prima di lanciare in via ufficiale Libra.

27 contenuti su questa storia
Diem, la moneta virtuale di Facebook, potrebbe partire quest'anno
Diem, la moneta virtuale di Facebook, potrebbe partire quest'anno
Calibra ora si chiama Novi: perché il portafoglio digitale di Facebook ha cambiato nome
Calibra ora si chiama Novi: perché il portafoglio digitale di Facebook ha cambiato nome
Anche Vodafone ha abbandonato Libra, la criptovaluta di Facebook è sempre più sola
Anche Vodafone ha abbandonato Libra, la criptovaluta di Facebook è sempre più sola
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni