Sarà basata su una blockchain sicura ed open source, governata da un'associazione indipendente, e garantita da una riserva di asset reali. Questa è Libra, la criptovaluta lanciata oggi da Facebook con lo scopo (dichiarato) di permettere a miliardi di persone di accedere ai servizi bancari ed aprire la strada a un sistema finanziario economico, accessibile e più connesso ed efficiente.

Libra, cos'è e come funziona la criptovaluta di Facebook

Presentata ufficialmente a Menlo Park, dove da circa un anno è attiva una squadra specifica guidata da David Marcus (ex presidente di PayPal) e confermata da Mark Zuckerberg tramite un post ufficiale su Facebook, l'architettura di Libra è basata su un sistema in cui Facebook è solo uno dei protagonisti. Una struttura bizzarra, considerando che da tempo tutti associano il nome Libra alla descrizione "criptovaluta di Facebook", che sarà stata pensata in questo modo anche per evitare qualsiasi tipo di polemica sull'incredibile mole di dati altamente sensibili che il social network si troverebbe a gestire.

"Il mondo ha bisogno di una valuta globale, nativa digitale, che possa integrare tutte le qualità delle migliori valute globali: stabilità, bassa inflazione, accettazione globale e fungibilità" – si legge nel white paper diffuso questa notte dall'azienda – "Per questo Libra sarà una stablecoin, una criptovaluta la cui stabilità sarà basata sulla copertura di una riserva di asset reali: sarà quindi garantita dalla parità con un paniere di «asset a bassa volatilità, come depositi bancari e titoli di Stato a breve ntermine denominati in valute di Banche centrali stabili e ad alta reputazione".

La moneta sarà lanciata nella prima metà del 2020, e sarà garantita dalla Libra Association, un'associazione indipendente che raduna 28 partner, tra cui anche Facebook, ed ha sede a Ginevra, in Svizzera, affiancata da Calibra, una sussidiaria creata da Facebook per fornire portafogli digitali con i quali si potranno conservare, inviare e spendere le libre. Accanto a Facebook-Calibra, ci sono soggetti finanziari come PayPal, Stripe, Masterkard e Visa, assieme a operatori TLC come Vodafone ed Iliad, ad aziende tecnologiche come Uber, eBay, Lyft, Spotify e Booking, e partner specializzati in blockchain come Xapo e Coinbase.

"Vogliamo rendere l'invio e la ricezione di denaro semplice come l'invio di un messaggio o di una fotografia"-  ha spiegato Zuckerberg nel suo post – "Calibra consentirà a tutti gli utenti di inviare Libra a chiunque possieda uno smartphone senza costi aggiuntivi. Il tutto basato sulla tecnologia Blockchain: è decentralizzata, disponibile per chiunque abbia una connessione ad internet e resa sicura dalla crittografia".

L'obiettivo dichiarato da Zuckerberg è quello di utilizzare la blockchain per aprire il mondo dei servizi finanziari a quella fascia di persone ed aziende che oggi ne è escluso. Una caratteristica fondamentale, sottolineata anche dal white paper, nel quale si legge che "nonostante i progressi tecnologici, una larga fascia della popolazione mondiale è stata lasciata indietro: 1,7 miliardi di adulti rimane al di fuori del sistema finanziario senza alcun accesso a una banca tradizionale, anche se un miliardo di loro ha un cellulare".

Insomma, secondo le intenzioni dichiarate nel white paper, Libra nasce con l'obiettivo di offrire una soluzione ad un problema ben chiaro, dovuto dal fatto che quasi metà degli adulti a livello mondiale non ha un conto corrente attivo. Una realtà con un costo di esclusione elevatissimo: ogni anno, circa 25 miliardi di dollari vengono sprecati da migranti in commissioni sulle rimesse e il circa il 70% delle piccole aziende nei paesi emergenti non ha accesso al credito.

Quanto vale una Libra, la criptovaluta di Facebook

E se tutto il mondo si starà chiedendo quanto vale una Libra, in realtà il valore della criptovaluta di Facebook non essendo legato ad una singola valuta, potrà variare in base alla nazione in cui è venduta ed acquistata. Ma l'obiettivo è quello di scegliere asset di riserva in grado di ridurre la volatilità il più possibile, per far sì che "i possessori possano fidarsi della capacità di mantenere il suo valore nel tempo".

Come acquistare e vendere Libra, la criptovaluta di Facebook

Non si hanno ancora notizie precise circa le modalità di acquisto e vendita di Libra. È chiaro però, che per acquistare o vendere la criptovaluta di Facebook, si dovrà utilizzare un network di scambio in grado di garantire la liquidità, e che sarà composto da attori di primaria importanza, come Xapo e Coinbase.

Con Libra si pacherà su WhatsApp e Facebook Messenger

Uno dei primi strumenti finanziari con i quali si potrà sfruttare Libra, sarà integrato in WhatsApp Messenger ed in Facebook Messenger. Appena pronto, le applicazioni per la messaggistica istantanea integreranno Calibra, introducendo così un vero e proprio wallet virtuale con il quale tutti gli utenti delle piattaforme potranno trasferire denaro nella stessa maniera istantanea e semplice con la quale si manda un messaggio.