La nuova famiglia di Honor 20 è ufficiale. Il brand ha ufficialmente presentato i nuovi Honor 20 Pro, Honor 20 e Honor 20 Lite, che saranno in vendita rispettivamente al prezzo di 599 euro, 499 euro e 299 euro. Prezzi non male male, considerando che integrano gran parte del cugino Huawei P30, ma che sono comunque aumentati sensibilmente, considerando che l'Honor 10, il top di gamma dell'anno scorso dell'azienda, costava 419 euro. E sì, nonostante il recente annullamento delle licenze Android a tutto il gruppo di Huawei, gli smartphone Honor continuano ad essere animati da Android 9 e riceveranno tutti gli aggiornamenti di sicurezza rilasciati in futuro.

Provando ad inquadrare il nuovo Honor 20 Pro, si può dire che è una sorta di P30 con qualcosa in meno (e qualcosa in più): è caratterizzato da un design probabilmente più "divertente", soprattutto nella cover posteriore, abbandona il notch a favore di un foro nel display per la fotocamera frontale, ed utilizza il (solito) sensore Sony IMX586.

Design Honor 20 e Honor 20 Pro

La prima cosa che salta all'occhio dei nuovi Honor 20 è sicuramente il design, non tanto frontale quanto posteriore, caratterizzato da una particolare cover olografica dinamica multidimensionale, realizzata con la tecnologia Triple 3D Mesh.

Si tratta di un processo a due fasi che, utilizzando una nanotecnologia per incidere dei prismi in miniatura, crea uno strato ti profondità che verrà poi assemblato con degli strato di vetro, colore e profondità. Il risultato è un piacevole effetto di riflessione della luce, che sarà disponibile nelle varianti Phantom Black e Phantom Blue per Honor 20 Pro, o Midnight Black e Sapphire Blue per Honor 20.

Il sensore per le impronte digitali non è stato integrato nella back cover, e neppure nello schermo: Honor ha dato spazio all'idea più semplice e intelligente degli ultimi anni (pensata inizialmente da Sony) integrandolo sul lato destro del frame in metallo.

Display Honor 20, Honor 20 Pro e Honor 20 Lite

Interessante anche lo schermo, che abbandona il notch a favore di un foro nel quale è stata posizionata la fotocamera anteriore, ma in tutti i modelli presentati viene utilizzato un pannello LCD. Quindi, purtroppo, niente AMOLED.

Sia Honor 20 che Honor 20 Pro utilizzano un display da 6.26" all-view, con un rapporto corpo-schermo del 91.7%, una risoluzione di 2340 x 1080 pixel ed un rapporto di pixel per pollice di 412 PPI, l'Honor 20 Lite, invece, ha uno schermo leggermente più piccolo con una diagonale di 6.21 pollici. Certo, si tratta di pannelli che non possono competere con i più prestanti AMOLED, ma tutto sommato sono in linea con la fascia di prezzo in cui si andranno ad inserire i nuovi smartphone di Honor, anche se quest'anno sono diventati leggermente più costosi.

Caratteristiche tecniche Honor 20, Honor 20 Pro e Honor 20 Lite

Sostanzialmente, le similitudini tra i nuovi Honor e la famiglia P30 di Huawei sono tutte rinchiuse nell'hardware dei nuovi smartphone del brand. Sia Honor 20 che Honor 20 Pro sono animati dal SoC Kirin 980 con dual NPU, il processore integrato nel P30 Pro, ma le differenze più importanti tra i due modelli risiede nella RAM e nella memoria interna disponibile: la versione Pro è dotata di 8 GB di memoria RAM, che passano a 6 GB nella versione base, mentre lo spazio disponibile è di 256 GB nell'Honor 10 Pro e 128 GB nell'Honor 10.

L'Honor 10 Lite, invece, ha un processore meno potente: e un Kirin 710, affiancato da 4 GB di memoria RAM e 128 GB di memoria interna. La batteria di Honor 20 è di 3700 mAh, la batteria di Honor 20 Pro è da 4000 mAh, mentre quella di Honor 20 Lite è di 3400 mAh.

Fotocamera Honor 20 Pro, Honor 20 Pro e Honor 20 Lite

I nuovi smartphone di Honor sono tra i primi dispositivi nel mercato ad utilizzare un'ottica principale con apertura f/1.4. Una caratteristica niente male, che dovrebbe risolvere i problemi di rumore del sensore Sony IMX586 da 48 megapixel stabilizzato otticamente utilizzato per la fotocamera principale.

Il sistema è composto da quattro fotocamere che, oltre alla principale, integra un grandangolo da 16 megapixel, uno zoom ottico 3X da 8 megapixel e una fotocamera macro da 2 megapixel a focale fissa. E sì, l'utilità della quarta fotocamera, quella marco, rimane un mistero nella vita reale, soprattutto perché non è dotata di autofocus e quindi obbligherà l'utilizzatore a posizionarsi a una distanza prefissata.

È presente la modalità AI Ultra Clarity a 48 megapixel ed è stata integrata una particolare modalità di scatto notturno chiamata Super Night Mode AIS che, in maniera molto simile (ma non identica) a quella vista negli smartphone di Huawei, permetterà di scattare foto chiare e nitide anche in condizioni di scarsa luminosità.

Molto interessante anche la fotocamera frontale da 32 megapixel che, grazie all'apertura f/2.0 e ad un'ottica molto grandangolare, permetterà di scattare selfie di qualità ottimizzati dall'intelligenza artificiale.

Prezzi e data di vendita in Italia dei nuovi Honor 20

I nuovi Honor 20 Pro, Honor 20 e Honor 20 Lite, saranno in vendita rispettivamente al prezzo di 599 euro, 499 euro e 299 euro.