5 Novembre 2019
13:20

L’Arte di Diablo: un viaggio tra bozzetti, illustrazioni e storia del leggendario videogioco

L’Arte di Diablo consente di perdersi tra le tonalità scure di ambientazioni e personaggi, per comprendere come si è evoluto visivamente e artisticamente il videogioco Diablo. Un oggetto da collezione dedicato a tutti gli appassionati della serie action RPG targata Blizzard.
A cura di Lorena Rao

A Lucca Comics and Games 2019 è stato presentato L'Arte di Diablo, un volume realizzato da Jake Gerli e Robert Brooks e dedicato allo stile di una delle serie più popolari e longeve realizzate da Blizzard Entertainment. Del resto, il primo capitolo di Diablo risale al 1996, mentre è questione di pochi giorni il recente ed entusiastico annuncio legato a Diablo IV, in occasione di BlizzCon 2019, la convention organizzata ogni anno da Blizzard in California per comunicare tutti i progetti in lavorazione. Nonostante infatti il volume fosse presente durante il Lucca Comics and Games, è stato mostrato solo in seguito all'annuncio della BlizzCon, per evitare rivelazioni o speculazioni su Diablo IV che, a differenza di Overwatch 2, era rimasto incolume dai rumor.

L'Arte di Diablo: uno spettacolo oscuro per gli occhi

Tornando a L'Arte di Diablo, il volume ripercorre la storia della serie, in successione cronologica, attraverso l'evoluzione dello stile artistico nel corso dei capitoli, incluso anche il quarto e ultimo. Lo fa attraverso 256 pagine di qualità sopraffina, ritraenti gli artwork e illustrazioni legati ai personaggi (intesi come classi, dunque Barbari, Stregoni e così via) e al lore (cioè l'ambientazione e le sue caratteristiche), su cui è possibile trovare dei focus in capitoli dedicati. In particolare questi approfondimenti, accompagnati spesso da paragrafi testuali, sono più legati a Diablo I, II e III, in quanto il IV è appunto fresco di annuncio. Di conseguenza il volume, riguardo il quarto capitolo, si concentra propriamente sullo stile artistico, la cui natura è rappresentata in conclusione da una magnifica – e allo stesso tempo terrificante – Lilith, comparsa nel trailer di stampo cinematografico mostrato al BlizzCon 2019.

Dato che lo stile artistico è uno degli elementi caratteristici della serie action RPG di Blizzard, L'Arte di Diablo consente di perdersi tra le tonalità scure di ambientazioni e personaggi, per comprendere come si è evoluto visivamente e artisticamente il brand Diablo. Grazie alle illustrazioni è possibile cogliere l'essenza stilistica della serie, soprattutto se si pensa a come primi capitoli fossero vincolati dalla tecnologia dell'epoca, e dunque in parte limitati nel mostrare la bellezza diabolica della serie, sino ad arrivare a un'essenza artistica evidente in Diablo IV contraddistinta da tratti più maturi e crudi, e dalle tonalità ancora più oscure e tenebrose. Per tutte queste ragioni, L'Arte di Diablo è un volume che qualsiasi appassionato dovrebbe possedere, perché oltre a essere un prodotto di grande qualità visiva e tattile per i collezionisti, permette di conoscere i retroscena di una parte della storia videoludica, attraverso un punto di vista che va oltre i tecnicismi e all'esperienza strettamente videoludica, per basarsi sulla potenza della immagini.

Il volume edito da Magic Press è dunque già disponibile al prezzo di 30 euro in tutti i negozi specializzati e negli store online, e si aggiunge ad altri volumi editi dalla casa editrice romana e sempre legati all'universo Blizzard, presenti anche all'evento toscano di Lucca Comics and Games. È il caso de L'Arte di Overwatch, che ripercorre invece lo stile di un altro nuovo caposaldo della software house americana che presto arriverà – come si è visto – a un secondo capitolo, oltre a veri e propri romanzi dedicati a World of Warcraft (WoW), o volumi invece rivolti all'arte di Blizzard nei filmati, diventati ormai uno dei marchi di fabbrica della software house.

Lezioni di storia con i videogiochi: così Assassin's Creed racconta l'antica Grecia
Lezioni di storia con i videogiochi: così Assassin's Creed racconta l'antica Grecia
Fridays for Future, i videogiochi come strumenti per conoscere la natura e rispettarla
Fridays for Future, i videogiochi come strumenti per conoscere la natura e rispettarla
Perché il buco nero di Fortnite potrebbe essere il più grande troll della storia dei videogiochi
Perché il buco nero di Fortnite potrebbe essere il più grande troll della storia dei videogiochi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni