Facebook-perde-utenti

Qualche giorno fa ci sono state delle notizie riguardo la perdita di utenti iscritti a Facebbok, nei primi paesi dove si è diffuso all'inizio, dunque gli Stati Uniti, principalmente, e il Canada. Ciò è apparso strano anche includendo il naturale processo di assestamento di un social media e del cambiamento continuo dell’ecosistema su Internet. Come vedremo, questo cambiamento non prescinde da alcuni dati reali che rimangono stabili, rispetto allo sviluppo complessivo.

Le cifre si riferiscono a circa 6 milioni di utenti persi in U.S. nello scorso mese, passati da 155,2 a 149,4 milioni, e 1,52 milioni in Canada, fino alla perdita di circa 100 mila users in UK, Norvegia e Russia. La crescita è comunque confermata nei paesi emergenti, come Brasile e Messico.

La notizia della perdita degli utenti, proprio negli stati in cui Facebook si è sviluppato prima, può significare un inizio di saturazione dell’uso del mezzo, tale da far tornare indietro gli utenti o far preferire altre piattaforme, altri social, come Twitter; Ney York City per esempio è la città al mondo con più utenti su Twitter.

I servizi sui dati Facebook interni tendono anche a rilevare che la crescita tende a fermarsi una volta che il 50% di utilizzo è raggiunto in ogni paese. Facebook ha smentito questi dati diramando la comunicazione che ogni tanto compaiono articoli in cui si sostiene che si stiano perdendo utenti; la fonte da cui sono estrapolati è uno strumento pubblicitario che fornisce solo una stima approsimativa; infatti, dice la nota “Più del 50% dei nostri utenti attivi si collegano a Facebook ogni giorno”.

Può darsi che ci siano cicli di saturazione, per esempio alla fine dell'anno scolastico in Giugno può succedere che molti studenti cancellino i propri account (Facebook è nato proprio come piattaforma di condivisione di materiale scolastico all’interno di un’università), mentre i dati sul numero di utenti nel mondo sono sempre più sorprendenti, quasi 700 milioni di utenti, senza calcolare cosa può succedere con l’espansione nei mercati orientali, come mostra la seguente mappa di Vincenzo Cosenza sul sito Vincos, rispetto alla diffusione del social networking nel mondo:

Mappa-del-social-networking

Le notizie sulla perdita degli utenti di Facebook lasciano molte perplessità, naturalmente; il social network più famoso del mondo sta implementando nuove configurazioni e opzioni per gli utenti che rendono l’uso del social media sempre più al passo coi tempi e in grado di soddisfare il networking degli users sia online che offline; infine è di qualche giorno fa la notizia di un video virale, che ha fatto in giro del mondo, di una ragazza che si è fatta tatuare i propri contatti sul braccio.